Valentino Rossi, test MotoGP 2012 Sepang: “Risolti molti problemi”

Rossi commenta il primo dei tre giorni di test della MotoGP 2012 a Sepang con la Ducati ufficiale

da , il

    WROOOM, Nicky Hayden e Valentino Rossi in Conferenza

    Oggi si è dato il via al primo dei tre giorni di test ufficiali della MotoGP 2012 sul tracciato internazionale di Sepang e per Valentino Rossi è stato sicuramente un debutto incoraggiante insieme alla nuova Ducati GP12. Il pesarese della Desmosedici, durante le prove malesi, è riuscito sempre a restare vicino ai piloti migliori ed alla fine ha chiuso quinto: “Essere a sette decimi da Lorenzo che ha fatto un ottimo giro mi rende molto felice perché abbiamo risolto un sacco di problemi, cosa che non ci era riuscita in tutto il 2011. In entrata di curva frenata la moto va meglio ed è più agile. La Ducati ha fatto un ottimo lavoro in breve tempo, ma è solo il primo giorno e dobbiamo lavorare ancora molto”.

    Forse in molti neanche lo pensavano, ma la prima giornata di test collettivi del Motomondiale 2012, in quel di Sepang potrebbe aver ridato al campionato due sicuri protagonisti. Stiamo parlando di Valentino Rossi e della sua Ducati, nuova di zecca con il telaio perimetrale in alluminio che la rende una moto molto più “nipponica” ed adatta allo stile di guida del Dottore.

    Il pesarese ha chiuso con il quinto tempo e con un distacco dal leader Jorge Lorenzo di poco superiore ai sette decimi e può comunque ritenersi soddisfatto dell’estenuante lavoro di progettisti, tecnici e meccanici della nuova Desmosedici.

    Rossi, è consapevole che il quinto tempo di oggi è un dato prettamente parziale dei test, soprattutto se si considera che il punto di riferimento, la Honda di Casey Stoner, era assente per via di un malanno del proprio pilota australiano. Perciò, Valentino preferisce mantenere un profilo basso in vista dei prossimi due giorni di prove malesi: “In accelerazione la moto ancora troppo difficile e instabile e penso che dipenda da più fattori, il motore, l’elettronica e il telaio. Ma possiamo essere competitivi credo. Posso utilizzare la gomma anteriore. Ho buona temperatura e le gomme funzionano bene, quindi è un grande passo avanti rispetto allo scorso anno. La posizione sulla moto dello scorso anno non mi rendeva fiducioso. Un’altra cosa molto positiva è che oggi lavoriamo sulla moto e miglioriamo, sembra un miracolo rispetto allo scorso anno quando cambiando qualcosa non si migliorava o addirittura si peggiorava. Poi la moto è bella, ma soprattutto è molto più veloce”.