Valentino Rossi vorrebbe un “erede”

Valentino Rossi sogna di "diventare papà": il nove volte campione del mondo entrato di diritto nella leggenda del motociclismo sportivo si è raccontato nel corso di un'intervista trasmessa su Italia 1 nel nuovo appuntamento con “Studio Sport XXL – la top ten della settimana”, il nuovo magazine di sport curato da Giorgio Terruzzi e dal giornalista Luca Serafini

da , il

    Valentino Rossi sogna di “diventare papà”: il nove volte campione del mondo entrato di diritto nella leggenda del motociclismo sportivo si è raccontato nel corso di un’intervista trasmessa su Italia 1 nel nuovo appuntamento con “Studio Sport XXL – la top ten della settimana”, il nuovo magazine di sport curato da Giorgio Terruzzi e dal giornalista Luca Serafini.

    Il Dottore sta crescendo, e parla delle sue passioni e dei suoi desideri personali, della sua fede calcistica per l’Inter e, naturalmente, di moto e Motomondiale.

    Oltre ad aver parlato del suo desiderio di paternità, Valentino ha infatti dichiarato che la forza che lo fa andare sempre avanti è un mix di passione e voglia di vincere: “La benzina che mi fa andare avanti? La passione e arrivare primo, ma non è soltanto vincere che mi dà la felicita” – ha rivelato Rossi – “Quando è una giornata speciale, lo sento dal mattino, ma vivo di dubbi.”

    Il futuro pilota della Ducati ha rivelato di essere preoccupato per la sfida del 2011 (“Alla Ducati sarà più dura che in Yamaha, perché tutti si aspetteranno la vittoria già all’esordio“) e di volersi lasciare alle spalle il 2010 al più presto per non pensare ai suoi “nemici” vittoriosi in MotoGP e Superbike: “Nel 2010 hanno vinto Lorenzo e Max Biaggi,” ha detto il numero 46, “peggio di così non poteva andare.

    Il 2010 ha anche regalato anche delle soddisfazioni Valentino Rossi, o meglio le regalare il 2010 dell’Inter, la sua squadra del cuore: “L’Inter mi ha regalato le più grandi soddisfazioni sportive di quest’anno solare. Mourinho mi piaceva molto, ma Benitez si sta rivelando molto intelligente. Ibrahimovic? Non sono un nostalgico. Comunque anch’io una volta ho chiesto al presidente del Barcellona di darci Messi.”

    E su Cassano: “Mi dispiace molto per lui, è un peccato, spero comunque di vederlo giocare. Mi piaceva vederlo alla Samp perché quella squadra è un mio vecchio amore. Speriamo che lo prenda l’Inter”.