Valentino Rossi: Yamaha gli offre un biennale e un futuro in SBK!

da , il

    Moto GP Mugello 2012   Conferenza Stampa

    AP/LaPresse

    Dopo l’offerta che Ducati ha fatto a Valentino Rossi dopo Laguna Seca, è ora il momento per il pilota di Tavullia di vagliare l’offerta con la quale Yamaha tenta di ricominciare quel matrimonio che dal 2004 al 2010 ha portato il binomio Rossi-Yamaha alla conquiista di 46 vittorie e 4 titoli mondiali. La decisione del Dottore non è importante solamente perchè sapremo definitivamente dove correrà la prossima stagione, ma anche perchè avrà come conseguenza la sistemazione di tutti i tasselli di un mercato piloti che ora più che mai è ai suoi piedi.

    Nonostante non si sapesse molto dei dettagli tecnici dell’offerta fatta dalla casa di Borgo Panigale e nonostante Valentino l’avesse definita “al ribasso”, quella della casa di Iwata sembrava, almeno inizialmente, puntare sul breve periodo, senza offrire sbocchi futuri per il pesarese. Ma da questa mattina l’offerta di Yamaha è diventata ben più importante.

    Infatti secondo alcune rivelazioni della Gazzetta dello Sport la casa giapponese avrebbe un progetto ben più a lungo termine con il nove volte campione del mondo, proponendo a Valentino Rossi di guidare per le prossime due stagioni la M1 del team factory al fianco dello spagnolo Jorge Lorenzo, tentando così di ritornare ai vertici della MotoGP e perchè no, rilanciarsi in ottica mondiale andando a cercare quello che sarebbe il suo decimo titolo mondiale. L’offerta della casa di Iwata però non si conclude qui, assicurando al pilota di Tavullia un futuro nel mondiale Superbike visto che Lin Jarvis e soci avrebbero assicurato la riapertura della squadra ufficiale nel Mondiale Superbike per il 2015, squadra che sarebbe di fatto costruita tutta intorno a lui.

    Yamaha gioca quindi al rialzo degli obiettivi, per tentare di stuzzicare la voglia di continue sfide di Rossi, contrapponendo di fatto alla possibilità di vincere con un binomio tutto italiano la possibilità di aggiungere in bacheca un altro mondiale, quello Superbike dopo quelli già conquistati in 125, 250, 500 e MotoGP. Per Vale andare nel mondiale delle derivate di serie significherebbe inoltre tornare a lottare con rivali storici come Marco Melandri e Max Biaggi (se correrà ancora). Certamente anche la Ducati potrebbe offrire questa prospettiva all’italiano, ma almeno fino ad ora non si è sbilanciata fino a questo punto.

    L’attesa per sapere quale sarà il futuro di Valentino cresce di giorno in giorno e tiene i tifosi in fibrillazione, sempre alla ricerca di novità che facciano capire le intenzioni del pesarese. La parola fine di questo capitolo del mercato-piloti 2012 dovrebbe arrivare col gran premio di Indianapolis anche se, dopo l’ennesima gara opaca di cui Rossi è stato protagonista a Laguna Seca incappando anche in una caduta a pochi giri dal termine, l Yamaha sembrerebbe la favorita in questo sprint per assicurarsi Rossi.