Video F1, Vettel: partenza anticipata, penalizzazione tardiva?

Formula 1: le immagini di youtube smascherano la partenza anticipata di Vettel in Giappone

da , il

    C’è un video amatoriale che all’ormai celebre minuto 4:28 mostra una sospetta partenza anticipata di Sebastian Vettel. Il pilota della Red Bull compie uno scatto in avanti prima che si spengano i semafori per poi fermarsi e ripartire correttamente. In passato una manovra del genere sarebbe stata sanzionata. Stavolta no. Come mai? Occorre innanzitutto dire che non si può ritenere i commissari di gara all’oscuro dell’accaduto. Non c’era bisogno di questo video di Youtube per sottoporre loro la questione in quanto era già stato Robert Kubica a chiedere un’indagine a Charlie Whiting pochi minuti dopo che il GP del Giappone era cominciato.

    PARTENZA ANTICIPATA VETTEL. Dobbiamo chiederci: come mai Sebastian Vettel l’ha fatta franca? Il ragionamento si articola in 3 passaggi. Innanzitutto si può affermare che il pilota Red Bull non ha tratto nessun vantaggio dalla manovra in quanto dopo il piccolo scatto in avanti torna completamente fermo. Ed è fermo quando si spengono i semafori. Quindi la Federazione abbia usato il buon senso non andando a penalizzare un pilota che sta lottando per il titolo mondiale. In secondo luogo, si potrà dire che, comunque siano andate le cose, lui si è avvantaggiato partendo un pelo più avanti di quanto non gli fosse concesso perché in quella falsa partenza ha guadagnato qualche centimetro di pista. Anche qui il buon senso regna sovrano. La sua partenza non è stata impensierita né da Webber, né da Kubica che lo seguivano. Quindi tutto ciò che ha fatto è stato ininfluente. Concludo citando un precedente scomodo. Scomodo per la FIA che ha deciso di non intervenire in maniera tardiva penalizzando Felipe Massa per essere partito a Spa-Francorchamps posizionandosi un pelo oltre la propria casella della griglia di partenza.

    SEBASTIAN VETTEL. Chi spera che questo video comporti una penalizzazione tardiva per Sebastian Vettel, magari da scontare nel GP di Corea, è fuori strada. Come detto, non solo questa soluzione pare non voglia esser presa in considerazione dalla FIA (altrimenti l’avrebbe già fatto con Felipe Massa). Nel caso della partenza anticipata nel GP del Giappone ad opera del pilota Red Bull, abbiamo la certezza che il direttore di gara Charlie Whiting è stato al corrente sin da subito del fatto e se ha deciso in quel momento, visionando le sue immagini dedicate, di non intervenire… non sarà certo un video di youtube a cambiare le cose.