Villeneuve ritrova la grinta

da , il

    Jacques Villeneuve

    A giudicare da questa fase di test pre-2006 ci sarà un nuovo pilota in pista. Non stiamo parlando di un debuttante, ma del veterano Jacques Villeneuve che – dopo anni di anonimato – sembra aver ritrovato la grinta dei tempi migliori. La medicina presa dall’ex-campione del mondo si chiama BMW che, da quando ha deciso di dargli fiducia, ha potuto contare su tutte le migliori capacità e l’esperienza del pilota canadese.

    Sappiamo che siamo solo in una fase di avvicinamento alla nuova stagione e che, quindi, è assurdo emettere qualsiasi verdetto o giudizio che dir si voglia. Ma volevano sottolineare con piacere l’attuale momento di Jacques Villeneuve che, dopo tanti anni, di grigiore sembra aver trovato una sistemazione ideale per poter dimostrare ancora qualcosa.

    Il team BMW Sauber è giovane ed ha sete della sua esperienza. Inoltre, il compagno di squadra Heidfeld è un avversario di un certo spessore senza, per questo, rappresentare una minaccia.

    Le condizioni per fare bene, quindi, ci sono. E, per quel poco che si è visto fino ad ora, Villeneuve è intenzionato a giocarsi al meglio le sue carte.

    Questo 2006 è una concreta occasione per il canadese per prendersi qualche rivincita nei confronti dei tanti che – tavltola a ragione – lo hanno dato per finito o – peggio ancora – non lo hano mai ritenuto un gran pilota degno del nome che porta.

    Dal canto suo – nonostante la BMW Sauber non abbia nessuna ambizione di rilievo – Jacques sprizza ottimismo e soddisfazione per la macchina e, con l’entusiasmo di un debuttante, ammette di non vedere l’ora di esordire in gara.

    Insomma, al di là delle prestazioni che vedremo in pista, non si può negare che la cura BMW non abbia sortito degli effetti al campione del mondo del (lontano) 1997.