Wrc 2013, Rally Germania: Sordo prosegue la tradizione Citroen [FOTO e VIDEO]

Dani Sordo e la Citroen si aggiudicano il Rally di Germania 2013

da , il

    Per come era iniziato il Rally di Germania 2013, scommettere 1 euro sulla vittoria di una Citroen era azzardo al alto rischio. Eppure, Dani Sordo lascia la firma sull’asfalto tedesco, proseguendo il record Citroen, imbattuta da 12 edizioni.

    Doveva provarci Thierry Neuville a spezzare l’incantesimo, ma il belga non è riuscito nell’impresa, accusando pochi secondi di ritardo nel primo passaggio di Dhrontal e finendo fuori strada nella speciale conclusiva, la Power Stage appannaggio di Ogier.

    Nonostante l’inconveniente, per la Ford Fiesta RS si conferma sul secondo gradino del podio e in ottica mercato proprio Neuville potrebbe avere le carte in regola per saltare a bordo di una Citroen il prossimo anno.

    Il bottino della casa francese si completa con il terzo posto di Mikko Hirvonen e il quinto assoluto, primo di Wrc2, di Robert Kubica, bravo ad allungare su Elfyn Evans nella speciale 15, dopo che ieri i due erano stati a stretto contatto, con il pilota Ford a rubare la leadership al polacco.

    E la Volkswagen? Va via da Trier a bocca asciutta, quando le premesse erano ben altre. Ogier prende tre punti nella Power Stage, ma non sono i 22 necessari per avere la certezza matematica del titolo. Poco male, in Australia, prossima tappa del mondiale, avrà il secondo match-point.

    CLASSIFICA RALLY GERMANIA 2013

    1. SORDO 3:15:19.4

    2. NEUVILLE +53.0

    3. HIRVONEN +2:36.1

    4. PROKOP +8:00.8

    5. KUBICA (WRC2) +9:01.3

    6. EVANS (WRC2) +9:14.2

    7. LATVALA +9:55.0

    8. PADDON (WRC2) +13:01.2

    9. ÖSTBERG +13:28.1

    10. NOVIKOV +15:17.9

    Cronaca terza giornata

    Come una formica ha iniziato a rosicchiare secondi su Thierry Neuville, poi il sorpasso. C’è Dani Sordo in testa al Rally di Germania 2013 a due speciali dal termine. Appena otto decimi sul belga della Ford, più che mai intenzionato a firmare la prima vittoria nel mondiale. E Latvala? Sono volate via nella speciale numero 12 le ultime speranze di vittoria della Volkswagen nell’appuntamento di casa. Il finlandese era al comando quando ai meno 4 dal termine della prova si è ritrovato fuori. Colpa di una portiera che non si chiudeva dopo un urto nella speciale precedente, così oltre a leggere le note il buon Anttilla doveva anche tenere lo sportello.

    Tutto bene fino all’errore su una frenata, con la Polo che va lunga, colpisce un masso e danneggia la sospensione posteriore destra. A nulla sono valsi gli interventi per tenerla insieme, così dopo Ogier anche Latvala chiude il rally in anticipo: ripartirà domani nel Rally2.

    Strada spianata per Neuville, verrebbe da credere. Ma così non è stato, perché oltre al redivivo Ogier, mattaore di tante prove oggi, è stato Sordo a recuperare terreno fino a scavalcare il belga.

    Siamo alla SS13. Poi, il dramma. Nell’esibizione delle vetture storiche, sul secondo passaggio di Arena Panzerplatte, l’equipaggio olandese De Vos-Benning ha trovato la morte a bordo della Triumph TR7. Prova annullata e giochi per il successo rinviati alle ultime due prove domenicali.

    CLASSIFICA RALLY GERMANIA 2013 – SS13/16

    1. SORDO – 2:43’48″5

    2. NEUVILLE +0.8

    3. HIRVONEN +1’27″6

    4. PROKOP +6’06″

    5. KUBICA (WRC2) +7’33″

    6. EVANS (WRC2) +7’40″

    7. LATVAKA +9’27″

    8. PADDON (WRC2) +10’37″

    9. OSTBERG +12’27″

    10. NOVIKOV +14’11″

    Cronaca seconda giornata

    Inatteso. È il termine che meglio si addice al ritiro di Sebastien Ogier, già nella prova speciale numero 4 del Rally di Germania 2013. Doveva puntare a mettere da parte i punti necessari per la matematica e laurearsi campione del mondo, invece, dovrà giocarsela da domani con le regole del Rally2. Prima del ritiro, aveva pagato 2’26″ di ritardo nel primo passaggio di Mittelmosel (22,9 km), con un lungo in frenata che lo aveva proiettato nel vigneto e una ruota danneggiata. Ha provato a riparare la sospensione anteriore sinistra insieme a Ingrassia, ma non ce l’hanno fatta e dopo 17 km hanno dovuto alzare bandiera bianca.

    Largo quindi ai due protagonisti assoluti finora, Thierry Neuville e Jari Matti Latvala. I due se le sono date di santa ragione per l’intera giornata, arrivando a chiudere rispettivamente secondo e primo con un distacco di appena 7″3 dopo 8 speciali.

    La mattinata è stata appannaggio della Ford Fiesta RS di Neuville, in costante recupero, mentre al pomeriggio Latvala ha messo a punto la Polo R, arrivando a vincere due speciali. Giochi tutt’altro che fatti per la vittoria, perché domani si aggiungerà la pioggia alle difficoltà delle prove in programma.

    «Nelle ultime due speciali ero al massimo, in pieno ovunque: non posso fare di più. Spingevo come un indiavolato, nessun errore, sempre veloce e di traverso, ma è quel che serve qui. E’ stato un gran divertimento, ma quando ho visto gli intertempi ero un po’ frustrato», ha ammesso il belga.

    Terza piazza per la Citroen con Dani Sordo, davanti a Hirvonen e senza troppe speranze di gloria: arrivare sul podio appare l’obiettivo massimo. Ben altre soddisfazioni per la casa francese in Wrc2, dove Kubica mantiene la leadership ma deve guardarsi dalla rimonta della Fiesta di Elfyn Evans

    CLASSIFICA RALLY GERMANIA 2013 – SS 8/16

    1. LATVALA 1:38:04.1

    2. NEUVILLE +7.3

    3. SORDO +26.3

    4. HIRVONEN +47.6

    5. ÖSTBERG +2:12.3

    6. PROKOP +4:17.6

    7. AL-ATTIYAH +4:52.1

    8. KUBICA (WRC2) +4:59.5

    9. EVANS (WRC2) +5:11.9

    10. WIEGAND (WRC2) +6:53.7

    SS1 e SS2

    Prendeteli nell’ordine della classifica iridata, mandateli sulle prime due speciali del Rally di Germania 2013 e li troverete esattamente nelle stesse posizioni. Sebastien Ogier guida l’appuntamento di casa per la Volkswagen con un vantaggio di 5.7 secondi sul compagno di team Latvala, mentre la Ford di Thierry Neuville accusa già 12 secondi dal francese, in predicato di conquistare la corona iridata.

    Anche la classifica delle prove speciali (oltre 23 km inaugurali di Blankenheim e i 14 della SS2 Sonertal) ripropone lo stesso ordine degli addendi.

    Chi è fuori anzitempo è Evgeny Novikov, frettoloso nelle battute inaugurali della prima prova e finito tra gli alberi a meno di 5 chilometri dal via. Errore del pilota, lungo in frenata e con gomme ancora fredde. Per sua sfortuna non c’erano spettatori ad aiutarlo a ripartire.

    E le due Citroen? Sono lontani i tempi in cui la facevano da padrone sull’asfalto tedesco e Sordo precede Hirvonen. Proprio sul team francese si inseguono le voci di mercato. Yves Matton ha confermato che la prossima settimana si conosceranno i nomi dei due piloti 2014, con poche chances di rivedere l’accoppiata Sordo-Hirvonen. Chi li sostituirà? Si fanno i nomi di Chris Meeke, che ha impressionato positivamente in Finlandia, e di Thierry Neuville. La casa del doppio Chevron si “accontenta” con il primato tra le Wrc2 di Robert Kubica, già leader autorevolmente e decimo assoluto.

    CLASSIFICA PROVVISORIA RALLY GERMANIA 2013 – SS 2/16

    1. OGIER 19:33.2

    2. LATVALA +5.7

    3. NEUVILLE +12.7

    4. SORDO +20.5

    5. HIRVONEN +25.7

    6. ÖSTBERG +30.6

    7. AL-ATTIYAH +41.4

    8. PROKOP +45.6

    9. KOSCIUSZKO +51.0

    10. KUBICA (WRC2) +59.8

    Anteprima

    E’ ormai pura formalità. Sebastien Ogier e Julien Ingrassia si presenteranno al via del Rally di Germania 2013 con il primo match-point per assicurarsi il titolo mondiale Wrc piloti e co-piloti. Una stagione affrontata senza avversari, se si fa eccezione per quel Loeb che ha strappato i due successi mancanti per fare en plein. Volkswagen finora ha centrato sei vittorie su otto, una con Latvala, e solo l’alsaziano ha saputo mettere la Citroen DS3 Wrc davanti alla Polo R Wrc.

    Banco di prova tutto nuovo quello tedesco, perché sarà la prima assoluta su asfalto per la macchina tedesca. Non fanno testo i tratti del Montecarlo, quando giovedì si apriranno le danze a Colonia, davanti ci saranno 16 speciali e 371.9 km cronometrati immersi nei vigneti.

    Spettacolo assicurato e interventi profondi sulle vetture, chiamate ad affrontare un fondo agli antipodi rispetto a quanto visto finora nel mondiale.

    Assetti più rigidi, scocche ribassate fino a 10 centimetri, cerchi da 18 pollici: il Rally di Germania dovrà dire se la supremazia Volkswagen è a tutto campo. Già, perché sull’asfalto si è reduci da un dominio Citroen che difficilmente vedremo quest’anno. Hirvonen non è Loeb e si è visto. Si correva ancora con la Xsara e il nome Citroen era davanti a tutti già nel 2001, con Philippe Bugalski ad assicurarsi un appuntamento valido allora per il campionato europeo. Poi, dal 2002, anno dell’entrata nel mondiale Wrc del rally di Germania, si contano ben 11 vittorie consecutive. Basta per capire di cosa si stia parlando.

    Il titolo 2013 è già nelle tasche di Ogier, che se non dovesse ottenere la certezza della matematica domenica, dovrà aspettare ancora un po’ prima di fregiarsi della corona iridata. Servono 22 punti in più rispetto agli attuali 90 che il francese vanta sul compagno di team Latvala. Ce la farà? Difficile, non impossibile. «Proverò ad avere un approccio rilassato al Rally di Germania. Una vittoria sarebbe ovviamente un passo enorme verso il titolo, ed il mio sogno stagionale. Comunque, guardando le classifiche attuali, non ho l’obbligo di vincere a tutti i costi. L’obiettivo sarà mantenere la guida nel mondiale piloti. Detto ciò, la vittoria sarebbe fantastica per il team, la meritano più di ogni altro perché stanno facendo la differenza al momento». Rally di casa per la casa di Wolfsburg ed è scontato che le tre Polo puntino a occupare i gradini più alti del podio.

    Le speranze del doppio Chevron di continuare la serie record inaugurata 11 anni fa sono riposte più su Dani Sordo che su Hirvonen, terzo lo scorso anno. «Aspetto questo tipo di rally (quelli su asfalto, ndr) dall’inizio della stagione. Con il Montecarlo afflitto da pesanti nevicate non abbiamo avuto un rally su asfalto finora. Il Germania è un rally difficile da gestire, con diverse tipologie di superficie e il meteo può essere imprevedibile. Non è mai semplice, ma ho fatto bene negli anni corsi, punto alla vittoria».

    Programma Rally di Germania 2013

    Giovedì 22 agosto 2013

    SS01 Blankenheim – 23.54 km – prima macchina alle 17:53

    SS02 Sauertal – 14.10 km

    Giovedì 23 agosto 2013

    SS03 Mittelmosel 1 – 22.95 km – prima macchina alle 10:43

    SS04 Moselland 1 – 22.79 km

    SS05 Grafschaft 1 – 19.94 km

    Service – 14:54

    SS06 Mittelmosel 2 – 22.95 km – prima macchina alle 16:12

    SS07 Moselland 2 – 22.79 km

    SS08 Grafschaft 2 – 19.94 km

    Sabato 24 agosto 2013

    SS09 Stein & Wein 1 20.21 26.54 08:03

    SS10 Peterberg 1 29.76 09.23 09:06

    SS11 Arena Panzerplatte 1 45.74 41.08 58.35 10:29

    Service – 13:17

    SS12 Stein & Wein 1 – 26.54 km – prima macchina alle 14:25

    SS13 Peterberg 1 – 9.23 km

    SS14 Arena Panzerplatte 1 – 41.08 km

    Domenica 25 agosto 2013

    SS15 Dhrontal – 24.58 km – prima macchina alle 09:18

    SS16 Dhrontal – 24.58 km – partenza ore 11:36 Power Stage