WRC 2013, Rally Portogallo: vince ancora Ogier, Hirvonen secondo [FOTO e VIDEO]

Cronaca, foto e video della prima giornata del Rally del Portogallo 2013, con Ogier in testa ma attaccato da Sordo

da , il

    Sebastien Ogier è un rullo compressore. Dopo Svezia e Messico mette in bacheca il tris nel Rally del Portogallo 2013. Come dire: un dominatore. Non ha commesso errori, quelli che invece hanno estromesso Mads Ostberg; è stato fortunato quando la Polo R si è messa a fare i capricci; non ha avuto il fiato sul collo di un brutto cliente come Sordo. Insomma, tutto sembra girare alla perfezione per il cammino iridato. Cosa manca? La riconferma. Quando le Wrc torneranno a confrontarsi col cronometro ci sarà anche Sebastien Loeb, accademico incaricato di verificare la preparazione dei suoi “allievi” al prossimo Rally d’Argentina. Se Ogier saprà duellare con l’alsaziano e impensierirlo più di quanto non abbia fatto al Montecarlo potrà sostenere la tesi di laurea dal titolo “Campione del mondo piloti 2013”.

    Sintesi terza giornata Rally Portogallo 2013

    Se il buongiorno si vede dal mattino, il risveglio della Volkswagen nella giornata conclusiva del Rally del Portogallo 2013 non è stato certo dei migliori. Speciale 12, si parte con Ogier e Latvala in testa, avviati verso la doppietta. Ma i piano vengono stravolti dal differenziale che sulla Polo R Wrc del finlandese smette di funzionare sull’asse anteriore, lasciandolo con una due ruote motrici. Al termine della prova perderà 1’16” e il secondo posto, a vantaggio di Mikko Hirvonen. Altra tegola su Ogier, rallentato dalla frizione e con il margine sul pilota della Citroen sceso a 34”8. “All’inizio della speciale qualcosa non funzionava, poi dopo 10 km tutto è tornato a posto e abbiamo concluso la prova normalmente. Per me non si tratta né del differenziale né dell’albero di trasmissione”, commenta a caldo Ogier.

    Ce n’è quanto basta per tenere gli occhi puntati sulla prova speciale più lunga del rally, i 52 chilometri di Almodovar. La frizione della Polo R tiene e Ogier riesce a ricostruire il margine di vantaggio su Hirvonen, distanziato a 49 secondi. “Prima del via abbiamo riscaldato bene la frizione che all’inizio non funzionava al meglio, poi per il resto della speciale non ha dato problemi. A volte sei fortunato, altre meno”.

    Per l’alfiere della Citroen è stato impossibile seguire il ritmo di Ogier, tanto più che le gomme sulla DS3 iniziavano a dare segni di cedimento. “E’ tornato a un ritmo regolare e io devo ancora stare attento alle gomme. Quelle posteriori erano così consumate già all’inizio della speciale”. Il calvario di Latvala continua, perdendo 3’03” con Novikov minaccioso alle spalle. Il russo della Ford resta a 41” in classifica quando mancano due speciali al termine.

    Il mattatore della giornata è senz’altro Mads Ostberg, vincitore di tre delle quattro prove in programma e con tante recriminazioni sull’uscita che lo ha estromesso dai giochi già nella prima giornata. Ha ottenuto anche due punti nella Power Stage, mentre Ogier ne aggiunge 3 al bottino già ricco della vittoria.

    Si va al parco assistenza, in attesa della speciale 14 e della Power Stage. Il secondo passaggio di Silves restituisce un Latvala in forma, secondo dietro a Osberg. Ottiene il primo podio con la Volkswagen, anche se non è la seconda posizione che aveva facilmente alla portata: “Dobbiamo esser contenti dopotutto, è il primo podio con la Volkswagen e mi sono gestito per poter spingere nella Power Stage (terzo, 1 punto iridato; ndr). Sono andato bene ma verso la fine non avevo gli intermedi di Mads e mi sono concentrato solo su me stesso. Spero che dall’Argentina in avanti riusciremo a lottare per la vittoria”.

    SS12 e SS13

    CLASSIFICA GENERALE RALLY DEL PORTOGALLO 2013 – TOP TEN

    1. OGIER 4:07:38.7

    2. HIRVONEN +58.2

    3. LATVALA +4:04.5

    4. NOVIKOV +5:27.7

    5. AL-ATTIYAH +7:43.5

    6. MIKKELSEN +9:39.8

    7. PROKOP +15:04.2

    8. OSTBERG +15:43.6

    9. AL QASSIMI +15:56.9

    10. LAPPI (WRC2) +16:21.0

    CAMERA-CAR LATVALA

    Sintesi seconda giornata Rally del Portogallo 2013

    E’ avviato sulla strada del terzo successo consecutivo Sebastien Ogier. Il Rally del Portogallo 2013 si appresta a mandare in archivio la seconda giornata con una sola speciale da disputare, la numero 11, secondo passaggio di Loule.

    A “impensierire” il pilota Volkswagen è rimasto solo Jari Matti Latvala, troppo distante però per poter realmente minacciare la leadership del compagno di squadra, costretto a lottare più contro le precarie condizioni fisiche, i postumi dell’influenza di una settimana fa. «E’ stata dura perché dopo 10 chilometri di ogni prova sono senza forze e mi tocca combattere: non è semplice per me», ha dichiarato dopo la SS8, conclusa con il miglior tempo dopo aver ceduto a Latvala il successo nelle prime due speciali di apertura.

    Il finlandese dal canto suo è sembrato più concentrato sul possibile recupero di Hirvonen che non ad attaccare Ogier. «E’ stata una speciale piuttosto buona, ho provato a spingere nel tratto centrale, il più veloce che sembra si addicano alla Polo. Le gomme adesso sono davvero al limite», le parole di Latvala.

    La ripartenza dalla speciale numero 9 ha visto partire Ogier con modifiche d’assetto e sei gomme dure nuove, al pari di Hirvonen. Nonostante ciò il portacolori Citroen ha pagato dazio con 10 secondi di distacco, suonando il campanello d’allarme proprio sulle coperture: «Fa davvero caldo ed è dura per le gomme. Si muovono molto, non credo siano distrutte ma di certo sono al limite. Ne ho due nuove dietro e credo ne avrò presto bisogno». Posizioni cristallizzate che non lasciano intravedere possibilità di grandi scossoni in classifica, con Novikov ancora una volta ai margini del podio e davanti all’altro Ford Nasser Al-Attiyah.

    A punti anche il debuttante sulla terza Polo R, Andreas Mikkelsen.

    CLASSIFICA GENERALE PROVVISORIA SS10/15 – RALLY PORTOGALLO 2013

    1. OGIER 2:21:36.7

    2. LATVALA +22.3

    3. HIRVONEN +1:01.8

    4. NOVIKOV +3:57.4

    5. AL-ATTIYAH +5:51.5

    6. MIKKELSEN +6:57.1

    7. KUIPERS +7:43.4

    8. PROKOP +8:36.0

    9. LAPPI (WRC2) +9:50.8

    10. AL QASSIMI +10:07.7

    Speciale 6 amara per Sordo

    Miete ancora “vittime” il Rally del Portogallo 2013, lasciando strada libera a Sebastien Ogier e la Volkswagen. E’ stata sufficiente una prova speciale appena, quella d’apertura nella seconda giornata, per levare di mezzo Dani Sordo e la Citroen, fino a ieri pericolose minacce da frenare per il francese.

    Si è fermato nel corso della SS6 con un problema alla trasmissione lo spagnolo, lasciando che la vittoria andasse a Latvala davanti a Ogier. I due guidano la generale distanziati di 10.3 secondi, con Mikko Hirvonen terzo a 20 secondi.

    L’impatto contro un masso e la conseguente rottura della sospensione hanno estromesso anche il belga Neuville su Ford, mentre Robert Kubica dopo la foratura di ieri nel trasferimento verso Lisbona stamane ha sofferto di problemi idraulici che lo costringeranno a cambiare manualmente per le prossime speciali. Nella sfortuna sarà un interessante (e probante) banco di prova per il polacco, costretto a usare il braccio infortunato nell’incidente di due anni fa.

    CLASSIFICA GENERALE PROVVISORIA SS6/15 – RALLY PORTOGALLO 2013

    1. OGIER 1h:11:47.3

    2. LATVALA +10.3

    3. HIRVONEN +20.2

    4. NOVIKOV +1:52.2

    5. AL-ATTIYAH +3:14.4

    6. PROKOP +3:38.8

    7. KOSCIUSZKO +3:44.4

    8. KUIPERS +3:59.2

    9. MIKKELSEN +4:27.8

    10. LAPPI (WRC2) +4:40.7

    Rally Portogallo 2013, prima giornata

    E’ durato appena tre prove speciali il Rally del Portogallo per Mads Ostberg. Il norvegese stava viaggiando su ritmi importanti, come in Messico, altro appuntamento gettato alle ortiche per problemi di affidabilità della Ford Fiesta RS. Dopo aver ceduto a Sebastien Ogier la vittoria nella prima speciale di giornata, pagando un ritardo di 4 secondi, nei 18 chilometri di Ourique era riuscito a distanziare il portacolori Volkswagen di 7.9 secondi, balzando in testa alla classifica.

    Questo prima di affrontare il secondo passaggio sulla speciale Mù, terminata anzitempo con un ribaltamento. Addio sogni di gloria anche sugli sterrati lusitani per un pilota che ha messo in pista un grandissimo manico nelle prime prove stagionali, capitalizzando davvero poco.

    Un errore di guida è all’origine dell’uscita di strada, avvenuta in una veloce sinistra indicata come quattro meno e affrontata invece in quinta. «Ho il morale piuttosto basso in questo momento», ha twittato dopo l’incidente. Ripartirà domani con gli occhi puntati sulla Power Stage di domenica.

    Senza l’alfiere Ford di mezzo sembrerebbe scontato dire che Ogier e la Volkswagen sono proiettati verso il tris; ma non è così, perché Dani Sordo vuole portare avanti il discorso iniziato al Fafe Rally Sprint e proverà a tenere il fiato sul collo del francese.

    Il ritiro di Ostberg

    Auto-eliminatosi uno dei rivali più temibili, Ogier mantiene alta l’attenzione: «E’ un peccato che Mads sia finito fuori. Era così veloce che in certi tratti non era possibile seguirlo. Non è comunque un sollievo perché Jari (Latvala; ndr) non è distante ed è veloce, come Dani (Sordo; ndr), quindi niente è ancora concluso. Non ho fatto la miglior scelta di gomme, proverò a fare il massimo per salvaguardarle». Quelle gomme che con il caldo in aumento lo hanno messo in difficoltà, dopo aver brindato sulla SS1.

    La speciale numero 3 passa così in archivio con la vittoria di Dani Sordo, al pari della successiva con il secondo passaggio di Ourique. Adesso lo spagnolo e a 2.4 secondi da Ogier nella generale, quando manca solo la prova spettacolo di Lisbona per concludere la prima giornata. «Non ho preso molti rischi perché la strada era davvero molto dissestata e potevi distruggere la macchina a ogni curva. Il rally è ancora lungo e voglio stare attento sulle gomme», ha commentato dopo la SS3. Quanto a Latvala ha corso la speciale alla cieca, senza riferimenti parziali sugli altri piloti: «Ho provato semplicemente a spingere con la marcia più alta possibile!».

    La Super Special Stage conclusiva di Lisbona ha regalato spettacolo, specialmente quando sulla Mini Countryman Wrc di Kosciuszko si è aperto il cofano motore, costringendo il pilota a proseguire quasi al buio, con una piccola porzione di parabrezza libera.

    Le ripercussioni sulla classifica sono state modeste, con Ogier che si è ripreso il margine di vantaggio su Sordo perso dopo la SS4. Adesso i due sono separati da 4.4 secondi, mentre Latvala e Hirvonen sono in piena lotta per il gradino basso del podio.

    Kubica assapora il podio ma il sogno svanisce

    Uno sguardo anche alla classifica delle Wrc2, perché l’attesa in Portogallo era tutta per Robert Kubica, al volante della DS3 del team Lotos. Dopo la prima speciale chiusa al quarto posto, il polacco ha fatto il terzo e secondo tempo nelle altre due prove del mattino, dopo aver dovuto riparare da sé il radiatore in seguito alla digressione nella scarpata fatta nel corso della SS2.

    Purtroppo la sfortuna ha preso di mira Robert, costringendolo al ritiro per una foratura (la seconda di giornata; ndr) nel corso del trasferimento di 200 km verso Lisbona, sede della Super Special Stage.

    Nonostante il ritiro Yves Matton – responsabile di Citroen Sport – è entusiasta delle prestazioni messe in strada da Kubica, alla prima presa di contatto con gli sterrati. «Per me ha fatto una prestazione grandiosa oggi. Nonostante non avesse esperienza sulla terra, a parte due giornate di test, si è messo tra Lappi ed Evans. Il suo stile di guida è buono, molto vicino a quello dei top driver: prova a guidare dove c’è più aderenza».

    CLASSIFICA GENERALE PROVVISORIA SS5/15 – RALLY PORTOGALLO 2013

    1. OGIER 49:33.0

    2. SORDO +4.4

    3. LATVALA +11.4

    4. HIRVONEN +16.2

    5. NEUVILLE +30.7

    6. NOVIKOV +1:17.0

    7. AL-ATTIYAH +2:16.4

    8. PROKOP +2:27.9

    9. KOSCIUSZKO +2:37.1

    10. KUIPERS +2:48.7

    VIDEO DELLE QUALIFICHE DEL GIOVEDI’

    Citroën WRC 2012 – Rallye du Portugal… di citroenracing

    Introduzione al Rally del Portogallo 2013

    Riparte dal Portogallo il mondiale rally 2013, con Sebastien Ogier in testa alla classifica piloti e reduce dai successi di Svezia e Messico. Il francese della Volkswagen è stato costretto a saltare quello che può considerarsi il prologo all’appuntamento lusitano, il Fafe Rally Sprint della scorsa settimana, a causa di un attacco influenzale.

    Chi ha preso parte al rally è stato invece Andreas Mikkelsen, a bordo della Polo R Wrc, terza vettura schierata dal marchio tedesco a partire dalla prossima gara. Riflettori puntati anche su una vecchia conoscenza della Formula 1, Robert Kubica. Il polacco esordirà nel campionato Wrc 2 a bordo di una Citroen DS3 RRC, forte del quinto posto ottenuto al Fafe, dietro al vincitore Dani Sordo, che ha preceduto di un soffio la Ford di Mads Ostberg. Il norvegese è in credito con la fortuna, dopo esser stato costretto al ritiro in Messico.

    C’è curiosità anche per le prestazioni del giovane svedese Pontus Tidemand, di nuovo al volante della Fiesta tra le JWRC.

    Il Rally del Portogallo 2013 si svolgerà su 15 prove speciali, per un totale di 386.75 km cronometrati. Il via venerdì, con quattro passaggi e la prova spettacolo di Lisbona. La speciale più lunga sarà domenica, con i 52 chilometri di Almodovar, da affrontare due volte e valevole come Power Stage.

    FAFE RALLY SPRINT 2013

    Citroën WRC 2013 – Fafe Rally Sprint di citroenracing

    Il ritorno in Europa del mondiale rally sarà caratterizzato da una terra dura, in grado di assicurare un buon livello di aderenza in caso di asciutto, viceversa col bagnato il fondo tende a diventare fangoso. Necessariamente tra i favoriti, Sebastien Ogier ha ottenuto l’unico bis in carriera proprio in Portogallo, vincendo nel 2010 (prima affermazione nel mondiale) e nel 2011. Sarà l’uomo da battere.

    Chi è chiamato a battere un colpo, dare un segno, è Mikko Hirvonen. Il finlandese della Citroen non ha mai brillato finora nei tre rally corsi, tuttavia, rifiuta di chiamarsi fuori dalla lotta iridata. «E’ vero che Ogier ha fatto un inizio di stagione perfetto, ma ci sono ancora 10 rally da correre. Sebbene non siamo apparsi pienamente convincenti, stiamo facendo tutto il necessario per provare a migliorare».

    TEST PORTOGALLO 2013 KUBICA

    I recenti test di fine marzo in Portogallo potrebbero aver aiutato nell’imboccare la strada giusta sull’assetto: «Non posso scendere nei particolari, su cosa ci siamo concentrati, ma è un dato di fatto che siamo riusciti a migliorare il set-up. La macchina scivola meno e mi sento più a mio agio nella guida. Dobbiamo restare cauti perché le condizioni del rally non saranno necessariamente quelle avute nei test».

    CAMERA-CAR FAFE RALLY SPRINT 2013 – DANI SORDO

    Citroën WRC 2012 – Fafe Rally Sprint – Caméra… di citroenracing

    Programma prove speciali Rally Portogallo 2013

    Venerdì 12 aprile

    SS 1 – Mú 1 20.32 km partenza prima macchina alle 8:58

    SS 2 Ourique 1 18.32 km

    SS 3 Mú 2 20.32 km

    SS 4 Ourique 2 18.32 km partenza prima macchina alle 12:50

    SS 5 S Lisbona 3.27 km partenza prima macchina alle 18:05

    Sabato 13 aprile

    SS 6 Santana da Serra 1 (31.12 km) partenza prima macchina alle 10:09

    SS 7 Vascão 1 (25.37 km)

    SS 8 Loulé 1 (22.78 km) partenza prima macchina alle 12:14

    SS 9 Santana da Serra 2 (31.12 km) partenza prima macchina alle 15:09

    SS 10 Vascão 2 (25.37 km)

    SS 11 Loulé 2 (22.78 km) partenza prima macchina alle 17:14

    Domenica 14 aprile

    SS 12 Silves 1 (21.52 km) partenza prima macchina alle 8:06

    SS 13 Almodovar 1 (52.30 km) partenza prima macchina alle 9:06

    SS 14 Silves 2 (21.52 km) partenza prima macchina alle 12:31

    SS 15 Almodovar 2 (52.30 km) partenza prima macchina alle 13:38 – POWER STAGE

    FOTOGALLERY RALLY DEL MESSICO 2013