WRC, Rally di Spagna 2016: trionfa Ogier e fa poker iridato [FOTO e VIDEO]

WRC, Rally di Spagna 2016: trionfa Ogier e fa poker iridato [FOTO e VIDEO]
da in Rally 2017, Rally Spagna, Sebastien Ogier
Ultimo aggiornamento: Venerdì 04/11/2016 07:01

    Gli è mancata solo la Power Stage, vinta da Jari Matti Latvala, per l’en plein. Sebastien Ogier vince il Rally di Spagna 2016 e conquista la quarta corona iridata. Un risultato scontato già dopo la giornata di sabato, per il ritiro di Andreas Mikkelsen. Dani Sordo non è riuscito a recuperare il divario che lo separava in classifica, con una Hyundai che ha sofferto appena si è passati dagli sterrati del venerdì alle speciali su asfalto sabato e domenica: il sottosterzo è stato il nemico principale del pilota spagnolo, comunque buon secondo e al comando della truppa di Hyundai i20 Wrc, al traguardo con Neuville terzo e Paddon quarto, poco più dietro Kevin Abbring.

    Prime speciali nel segno di Ogier, Latvala a prendersi la SS17 e la Power Stage, l’ultima giornata non ha lasciato grandi episodi da raccontare, eccezion fatta per il ritiro di Kris Meeke, appiedato da un guasto al motore della DS3 Wrc. Ne ha tratto vantaggio Mads Ostberg, per salire quinto, davanti a Tanak. Classifica Rally Spagna 2016
    1. OGIER -3:13:03.6
    2. SORDO +15.6
    3. NEUVILLE +1:15.0
    4. PADDON +1:27.8
    5. OSTBERG +3:24.4
    6. TANAK +5:24.9
    7. ABBRING +7:31.3
    8. KOPECKY +9:05.1
    9. TIDEMAND +9:20.4
    10. BREEN +9:57.1

    Sebastien Ogier è nuovamente campione del mondo rally. Non servirà attendere l’esito del Rally di Spagna 2016, che pure lo vede al comando, dopo il sorpasso sulla Hyundai i20 Wrc di Dani Sordo, perché con l’uscita di strada nel corso della SS12 di Andreas Mikkelsen, unico rivale in grado di tenere ancora virtualmente aperta la partita per il titolo, il pilota francese può anche non marcare punti nel Catalunya che il divario in classifica attuale è sufficiente a garantire la matematica certezza della conquista del titolo. E’ stata una seconda giornata corsa all’attacco, la prima su speciali interamente asfaltate, che hanno reso problematica la guida della i20 Wrc da parte di Sordo, causa forte sottosterzo. Dalla speciale 10 alla SS15, monologo Ogier.

    Ha lasciato solo le prime due speciali di giornata a Jari Matti Latvala, anche lui fuori dalla corsa per i punti dopo il ritiro sofferto ieri per la rottura della sospensione posteriore. Dopodiché, filotto di successi per Ogier, che ha scavalcato Sordo con la chiusura della SS13. Da segnalare le posizioni di testa per Neuville e Paddon, a chiudere il triplete Hyundai dietro Ogier, poi Meeke ottimo quinto e Ostberg davanti a Tanak. L’uscita di scena di Mikkelsen consente a Ogier di spingere andando a caccia anche della vittoria del rally, rendendo l’impresa ieri apparsa possibile per Sordo, quella di uno spagnolo che torna a vincere il rally di casa dopo 21 anni da Carlos Sainz, molto più complessa. Classifica Rally di Spagna 2016 – SS15/19
    1. OGIER - 2:35:12.8
    2. SORDO +5.8
    3. NEUVILLE +1:03.9
    4. PADDON +1:20.0
    5. MEEKE +1:57.9
    6. OSTBERG +2:35.7
    7. TANAK +4:24.7
    8. ABBRING +6:22.7
    9. PROKOP +7:13.3
    10. BERTELLI +9:17.1

    È in lizza per ripetere la storia, Dani Sordo nel Rally di Spagna. Al termine della prima, vera, giornata, con sei prove speciali in programma e su sterrato, è al comando con 17″ di vantaggio su Sebastien Ogier. Non accade dal 1995 che un pilota spagnolo vinca il rally di casa, allora fu Carlos Sainz a riuscire nell’impresa. Ha cambiato ritmo nel giro pomeridiano, Sordo. Due speciali vinte con la Hyundai i20 Wrc e un secondo posto lo hanno proiettato al comando dopo una mattinata chiusa al quarto posto. Un susseguirsi di eventi, con Ogier primo in strada, colpite da un nubifragio che ha trasformato gli sterrati in trappole di fango e, visto l’obiettivo del week end per il francese, non si è assunto rischi inutili, badando a controllare. Mikkelsen gli è dietro di oltre 18″, basta così per costruire la matematica certezza del titolo. Problemi per Latvala, terzo dopo le prove speciali del mattino e costretto al ritiro al pomeriggio per la rottura della sospensione. Più fortunato Neuville, quarto davanti all’altra Hyundai di Paddon. Per il belga, testacoda nella SS5 e incidente contro un albero, che ha danneggiato il paraurti anteriore e costretto Neuville a staccarlo e proseguire senza. È sesto, ottimo protagonista al mattino, come Ogier. Tornando a Mikkelsen, è stato rallentato da problemi ai freni e durante le speciali pomeridiane per due volte ha alzato il piede credendo di avere una foratura. Nella top ten ci sono anche le DS3 di Meeke e Breen, settimo e ottavo. Il primo si è capottato già nel corso della SS2, il secondo ha pagato 10″ di penalità per aver tardato a un controllo orario. La Ford Fiesta RS di Ostberg è sesta, nonostante problemi con la trasmissione Sabato vedrà il rally passare alle prove su asfalto, tradizionalmente favorevoli a Sordo, che può gestire un buon margine sui due Volkswagen alle sue spalle.

    E’ il week end che può portare ancora una corona iridata per Sebastien Ogier, la terza consecutiva. Il mondiale WRC affronta la terz’ultima tappa in calendario, il Rally di Spagna 2016, classico appuntamento insidioso per un programma che prevede la giornata di venerdì con speciali sterrate, sulle quali Ogier potrebbe soffrire la posizione di partenza, prima di tutti, poi sabato e domenica “trasferimento” sulle prove asfaltate, che potrebbero tracciare tutto un altro quadro. In totale, 19 speciali, di cui 6 da affrontare nella giornata di venerdì, primo vero banco di prova dopo un giovedì piovoso, con l’apertura dei 3,2 km affrontati a Barcellona e vinti da Ott Tanak davanti al nostro Lorenzo Bertelli. Due Fiesta davanti a tutti, con le condizioni meteo che hanno pesantemente influenzato lo svolgimento della prova: chi è partito per ultimo ha trovato una pioggia più insistente, così Ogier non è andato oltre la terza prestazione, a 3″5, seguito dalla sorpresa Jan Kopecki, su Skoda Fabia R5 di WRC2.

    Il programma di venerdì prevede sei prove, per 115,9 chilometri contro il tempo, di cui 38,9 – da affrontare due volte – sulla speciale di Terra Alta, mix di sterrato e asfalto e prova più lunga del week end. Pur con il miglior tempo ottenuto nella SS1, per Ott Tanak sensazioni non positivissime dalla Fiesta, in particolare dal differenziale posteriore, che verrà analizzato prima del via della SS2 Caseres. A Ogier, che ha 68 punti di margine su Mikkelsen, in caso di vittoria del norvegese e conquista dei 3 punti della power stage, quindi il miglior scenario possibile, basterebbe un quinto posto per laurearsi ancora campione Classifica Rally Spagna SS1/19 1. TANAK - 3:47.6
    2. BERTELLI +2.7
    3. OGIER +3.5
    4. KOPECKY (WRC2) +5.0
    5. MEEKE +5.2
    6. BREEN +5.2
    7. NEUVILLE +5.7
    8. MIKKELSEN +5.8
    9. OSTBERG +6.1
    10. PADDON +6.4
    Giovedì 13 ottobre
    SS1 - BARCELONA – 3.20 km
    Venerdì 14 ottobre
    SS2 - CASERES 1 – 12.5 km
    SS3 - BOT 1 – 6.50 km
    SS4 - TERRA ALTA 1 -38.95 km
    SS5 - CASERES 2 - 12.50 km
    SS6 - BOT 2 - 6.50 km
    SS7 - TERRA ALTA 2 – 38.95 km
    Sabato 15 ottobre
    SS8 - VILAPLANA - 6.28 km
    SS9 - ALCOVER-CAPAFONTS 1 - 19.93 km
    SS10 - QUEROL 1 - 21.26 km
    SS11 - EL MONTMELL 1 - 24.14 km
    SS12 - ALCOVER-CAPAFONTS 2 - 19.93 km
    SS13 – QUEROL 2 - 21.26 km
    SS14 - EL MONTMELL 2 – 24.14 km
    SS15 - SALOU - 2.24 km
    Domenica 16 ottobre
    SS16 - PRATDIP 1 - 19.30 km
    SS17 - DUESAIGÜES 1 - 12.10 km
    SS18 - PRATDIP 2 - 19.30 km
    SS19 - DUESAIGÜES 2 – (POWER STAGE) 12.10 km

    1400

    PIÙ POPOLARI