WRC, Rally Portogallo 2017: Ogier eguaglia Alen [FOTO e VIDEO]

WRC, Rally Portogallo 2017: Ogier eguaglia Alen [FOTO e VIDEO]

Torna a vincere Sebastien Ogier, quinto successo nel Rally del Portogallo, come Markku Alen

da in Rally 2017, Rally Portogallo, Thierry Neuville
Ultimo aggiornamento:

    Sebastien Ogier come Markku Alen nel Rally del Portogallo 2017. Quinta vittoria in carriera per il pilota M-Sport, che eguaglia il risultato della leggenda scandinava. Il margine di vantaggio su Thierry Neuville si riduce rispetto al gap maturato nella giornata di venerdì, restano oltre 15″ a dividere i due, più che sufficienti per rilanciare Ogier dopo alcuni rally senza il successo in tasca. «Dobbiamo tagliare il traguardo, finora sono contento. La seconda speciale era molto scivolosa, tanta terra in superficie», analizzava Seb dopo la speciale di Fafe. Il secondo passaggio è valso quale Power Stage ed è stata l’altra Ford Fiesta RS di M-Sport a imporsi: Ott Tanak si prende i 5 punti in palio e precede Neuville, Evans, Lappi e Ogier.
    Sul podio c’è l’accoppiata Hyundai Neuville-Sordo, secondo il belga, che dopo il loop di domenica mattina ha riconosciuto come fosse impossibile riprendere Ogier: «Nessuno è riuscito a inseguire Ogier con un vantaggio di 16″ nell’ultima giornata. Dobbiamo essere intelligenti, è stato un run pulito per controllare le note in vista della Power Stage», il commento di Neuville.

    La top ten registra la presenza di Tanak, quarto, poi Craig Breen, miglior Citroen all’arrivo, seguito da Elfyn Evans, Juho Hanninensu Toyota, Mads Ostberg, Jari Matti Latvala – tornato in abitacolo dopo aver trascorso la nottata in ospedale, causa problemi intestinali – Esapeekka Lappi.

    Risultati Rally del Portogallo 2017

    1. Ogier (Ford)

    2. Neuville (Hyundai) +15”6

    3. Sordo (Hyundai) +1’01″

    4. Tanak (Ford) +1’30”

    5. Breen (Citroen) +1’57”

    6. Evans (Ford) +3’10”

    7. Hanninen (Toyota) +3’48”

    8. Ostberg (Ford) +5’29”

    9. Latvala (Toyota) +5’43”

    10. Lappi (Toyota) +8’13”

    Spunta Seb Ogier nel sabato del Rally del Portogallo 2017, dopo un venerdì a fare da “spazzino”. Leadership con margine su Thierry Neuville, 23”, poi l’altra Hyundai di Dani Sordo, con Ott Tanak a distanza ancora non di sicurezza. La terza giornata si apre con Ogier che riduce il gap dal compagno di squadra a 1”1, ma l’estone risponde nella seconda speciale di giornata, Cabeceiras de Basto, riportando a 6”3 il margine di vantaggio. “Volevo avere una migliore posizione di partenza oggi e ne ho approfittato, è tutto un altro mondo”, raccontava Ogier a metà giornata.
    Buon protagonista Neuville, che ha lamentato l’assenza di trazione nella prima prova di giornata, causa assetto più rigido del solito e fondo più compatto del previsto per i passaggi di altre macchine.

    Il confronto Neuville-Ogier si è fatto più intenso al pomeriggio, Hyundai a primeggiare nella speciale di Vieira do Minho, appena 1” sul francese, che ha risposto sulla PS successiva, Cabeceiras de Basto. Craig Breen, dopo essere “sopravvissuto” a un’uscita di strada al mattino rimedia 1’04” in classifica dopo 14 speciali sulle 19 in programma. Toyota occupa le posizioni di coda della top ten, Lappi il migliore, settimo. Problemi per Hanninen sulla PS13, una probabile perdita di pressione all’impianto di iniezione: “Sono riuscito a ripararlo ma successivamente il motore ha ripreso a tagliare di nuovo l’accensione”.

    Classifica Rally del Portogallo 2017 PS14/19

    1. Ogier (Ford)
    2. Neuville (Hyundai) +23”
    3. Sordo (Hyundai) +35”5
    4. Breen (Citroen) +1’04”
    5. Tanak (Ford) +1’25”
    6. Evans (Ford) +2’41”
    7. Lappi (Toyota) +2’53”
    8. Hanninen (Toyota) +3’13”
    9. Ostberg (Ford) +4’53”
    10. Latvala (Toyota) +5’27”

    Cambia volto la classifica del Rally del Portogallo 2017 dopo il run pomeridiano. Tre speciali hanno sconvolto le prime posizioni, fuori Latvala, fuori Paddon, fuori Meeke, Neuville e Breen rallentati. Così, ecco Ott Tanak portare la Ford Fiesta RS davanti a tutti, con 4″6 sulla Hyundai i20 di Dani Sordo e 5″ sul compagno di squadra Sebastien Ogier, costretto a fare da apripista per tutto il giorno. Il loop del mattino aveva visto Jari Matti Latvala precedere Kris Meeke, con una classifica cortissima, purtroppo per il pilota Toyota, un problema ai freni lo ha spedito fuori strada, con capottamento incluso e oltre 5 minuti persi. Ben 11 quelli lasciati sul campo da Hayden Paddon, causa noie di tipo elettrico sulla Hyundai i20 WRC, già vissuti al mattino. Kris Meeke ha rotto la sospensione ed è stato costretto al ritiro, rientrerà domani con le regole del Rally 2. Il britannico era passato in testa alla graduatoria dopo la speciale 5 di Viana do Castelo 2. Hyundai ha vinto le tre speciali del pomeriggio, prima delle prove spettacolo conclusive. Paddon la PS5, Neuville la PS6 di Caminha 2 e Sordo la PS2 Ponte de Lima 2.

    Il belga di Hyundai ha perso secondi per essersi trovato dietro la Yaris di Latvala, rallentato anche Craig Breen. Dal primo al sesto, Elfyn Evans, passano appena 18″3, tutto può ancora succedere sabato, giornata più lunga del Rally del Portogallo 2017.

    Classifica Rally del Portogallo 2016 PS7/19
    1. Tanak (Ford)

    2. Sordo (Hyundai) +4″6

    3. Ogier (Ford) +5″

    4. Neuville (Hyundai) +11″1

    5. Breen (Citroen) +12″1

    6. Evans (Ford) +18″3

    7. Hanninen (Toyota) +52″

    8. Lappit (Toyota) +1’12″

    9. Mikkelsen -WRC2- (Skoda) +3’17″

    10. Ostberg (Ford) +3’50″

    La prima vera giornata del Rally di Portogallo 2017 arriva al service intermedio con una classifica cortissima, che vede Jari Matti Latvala al comando e con la vittoria nella PS3 all’attivo. Quattro vincitori diversi nelle quattro speciali del venerdì mattina, sulle 9 in programma. Neuville apre i giochi, poi tocca a Paddon, Latvala e Meeke sulla PS3 di Ponte de Lima. Il britannico su Citroen C3 è a 5 decimi dalla Toyota Yaris di Latvala, terzo si trova un ottimo Tanak, a 1″2.
    In casa Citroen bene il quarto posto di Craig Breen, mentre per Stephane Lefebvre già 4 minuti persi, tra un capottamento sulla speciale di Camiha e una duplice foratura che lo ha costretto a disputare la PS4 con tre ruote in ordine e una forata. Buon inizio per Latvala, dopo problemi fisici alla schiena che ne avevano messo in dubbio la possibilità di correre nella prima vera giornata del rally. «Stanotte non ero certo di farcela, fortunatamente abbiamo un buon team e il recupero è arrivato in nottata. Non solo al 100%, sono al 97%, sapevo avrei perso terreno sull’ultima speciale, dalla ricognizione non era la più semplice e ho apportato diverse modifiche alle note», il racconto a metà giornata.

    A sentire Meeke, secondo in classifica, i vantaggi del partire più indietro non sono stati evidenti, anzi: «I solchi si fanno solo più profondi ed è difficile guidare». Il primo in strada è stato Sebastien Ogier, chiude a 4″8, quinto, e la posizione lo ha penalizzato ugualmente, causa fondo scivoloso.

    La pattuglia Hyundai a metà venerdì si trova con Paddon migliore in graduatoria, davanti a Neuville e Sordo. Il belga indica nello stile di guida da adottare sul percorso del primo run un punto di “debolezza”: «Dobbiamo guidare molto più di traverso in questo rally, le strade sono più larghe e dobbiamo far scivolare la macchina, non è lo stile di guida che mi piace».

    Classifica Rally Portogallo 2017 PS 4/19

    1. Latvala (Toyota)

    2. Meeke (Citroen) +0″5

    3. Tanak (Ford) +1″2

    4. Breen (Citroen) +1″4

    5. Ogier (Ford) +4″8

    6. Paddon (Hyundai) +10″2

    7. Neuville (Hyundai) +10″3

    8. Sordo (Hyundai) +10″7

    9. Ostberg (Ford) +16″4

    10. Evans (Ford) +18″3

    Thierry Neuville, Hyundai i20 WRC

    Sesta tappa del mondiale WRC, il Rally di Portogallo 2017. Si torna in Europa con una classifica che vede tre protagonisti, tre macchine diverse, nella zona alta della classifica. Ogier, Lavtala, Neuville. Ford, Toyota, Hyundai. Meno di 20 punti tra il francese e il belga, partita tutta aperta, da giocare su un altro appuntamento sterrato. Thierry Neuville arriva in Portogallo sullo slancio guadagnato in Corsica e Argentina, due successi che lo hanno rilanciato dopo un avvio di campionato con troppi errori quando era al comando e troppi punti gettati al vento.
    Dovrà sfidare un Sebastien Ogier quattro volte vincitore sulla terra portoghese. «Abbiamo lo slancio dopo i risultati di Corsica e Argentina, al tempo stesso sappiamo di dover restare concentrati sul nostro lavoro perché il campionato è incredibilmente ravvicinato. Non possiamo prendere nulla per scontato, il Rally di Portogallo – nel formato in cui è ora – è una sorta di novità, visto che si corre nella zona a nord del Paese negli ultimi 2 anni. Sono certo che saremo veloci con la nuova macchina e la fiducia guadagnata», ha commentato Neuville.

    Ogier cerca il ritorno al successo, là dove ottenne la prima vittoria in carriera nel WRC. Taglia il traguardo dei 50 anni di storia il Rally del Portogallo, che si deciderà su 19 prove speciali e 349 km contro il tempo, su complessivi 1.529 km. Si parte venerdì con la prima vera giornata, dopo la prova spettacolo del giovedì sera. Tre speciali da ripetere, con un diverso percorso sulle PS di Caminha e Ponte de Lima rispetto allo scorso anno. Ogier farà da apripista e le caratteristiche del fondo sono destinate a penalizzare i primi in strada, a fare da “spazzini” offrendo un terreno dalla migliore aderenza per chi partirà dopo. La scelta delle gomme, di conseguenza, sarà uno dei temi cruciali.
    Sabato, seconda giornata piena del rally, vedrà anche il maggior numero di settori cronometrati, 154,5 km. La speciale di Amarante è la più lunga dell’intero rally e si sviluppa su 37,5 km. Chiusura domenica con l’iconica PS di Fafe, il cui secondo passaggio varrà quale Power Stage del rally.

    Se Neuville è reduce da due gare su alti livelli, tutt’altro umore e sensazioni in casa Citroen per Kris Meeke. Due botti importanti in Corsica e Argentina hanno cancellato la gioia per il successo in Messico. E il britannico commenta: «In Argentina niente è andato secondo i piani. Talvolta accade, devi solo buttarti tutto alle spalle. Mi sento bene in vista del Portogallo, sebbene non possa dire di avere una fiducia traboccante. Il lavoro svolto negli ultimi test di aiuterà a muoverci nella giusta direzione, sono contento di correre il rally, ho piacevoli ricordi della vittoria nel 2016 ma da allora sono intervenuti tanti cambiamenti al percorso, in molti casi dovremo partire da zero con le note. La concentrazione sarà cruciale nella ricognizione e nel rally», ha spiegato Meeke. In Portogallo, Citroen schiererà quattro C3 WRC+.

    1830

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN Rally 2017Rally PortogalloThierry Neuville