WRC, Rally Svezia 2015: Ogier sul filo di lana, Neuville e Mikkelsen a podio [FOTO e VIDEO]

Il Rally di Svezia 2015 incorona nuovamente Ogier, che strappa la vittoria nell'ultima speciale, dopo una lotta spettacolare con Neuville e Mikkelsen. Cronaca, classifica, video e foto della seconda gara del mondiale Wrc.

da , il

    E sono due. Sebastien Ogier strappa con i denti la vittoria nel Rally di Svezia 2015, dopo quella inaugurale al Montecarlo. Per il campione del mondo è stato un week end difficile, a combattere con una posizione di partenza nella seconda giornata che non l’ha certo aiutato. Il finale di domenica vive su tre speciali, Neuville davanti a tutti prima della SS19 e Mikkelsen e Ogier a inseguire.

    La Hyundai i20 Wrc del belga deve lasciare il comando a Mikkelsen per una speciale, quella di Lesjofors (15 km), corsa senza interfono, e che ha visto il successo parziale di Ogier.

    Gli ultimi due passaggi sono sui 15.8 km di Varmullsasen: a Latvala il primo, a Ogier – con un tempo mostre – il secondo, valevole anche come Power Stage.

    Per conservare speranze di vittoria, Mikkelsen aveva 3 secondi di margine su Ogier e 4″6 su Neuville. A stampare subito un gran tempo è il giovane belga su i20 Wrc, ben 3″6 meglio di Latvala nel primo passaggio, ma non basta. “Dobbiamo attendere, sono andato a tutta, sono molto contento del week end e della speciale”, dirà a prova conclusa. E l’attesa, purtroppo, ha riservato una sorpresa amara: Ogier vola, stampa un tempo di 4″8 inferiore e fissa il nuovo riferimento.

    E Mikkelsen? L’altra Polo R Wrc tocca un banco di neve, va fuori e finisce la speciale con 36″ di distacco. Sogni di gloria andati, come il secondo posto finale, conquistato da Neuville. “Che vittoria! Sono davvero fiero, per tutto il week end sono stato il più veloce, ma la posizione di partenza era cattiva: è un lieto fine”, il commento di Ogier appena arrivato Mikkelsen.

    Ai piedi del podio arriva il giovane Tanak, poi Paddon sull’altra Hyundai, Evans, Meeke, Prokop, Ostberg (rallentato nella SS19 per un’uscita costatagli 3 minuti e la quarta posizione; ndr) e Kevin Abbring.

    CLASSIFICA RALLY SVEZIA 2015

    1. Ogier

    2. Neuville +6″3

    3. Mikkelsen +39″7

    4. Tanak +2’26″

    5. Paddon +3’31″

    6. Evans +3’53″

    7. Meeke +4’05″

    8. Prokop +4’26″

    9. Ostberg +6’50″

    10. Abbring +7’55″

    Cronaca seconda giornata

    Esce fuori un podio provvisorio che era difficile prospettare alla vigilia del Rally di Svezia 2015, dopo la seconda giornata di gara. In testa c’è la Hyundai i20 Wrc di Thierry Neuville, balzato in testa al termine della speciale 18, penultima di giornata, grazie a una prova perfetta e con due gomme nuove all’anteriore che hanno fatto la differenza rispetto ad Andreas Mikkelsen e Sebastien Ogier. Il norvegese è partito stamane in testa, mentre il francese campione del mondo ha recuperato terreno dopo le disavventure di ieri. In meno di 10″ sono in tre a candidarsi per la vittoria domani.

    Si parte con i 18 chilometri di Frefriksberg 1, appannaggio di Mikkelsen e sui quali va segnalata la foratura di Mads Ostberg, insieme a guai al cambio sulla Citroen DS3 Wrc.

    La successiva prova di Rammen 1, 22 chilometri e 7, è vinta da Ogier, davanti a Ostberg nella generale, arrivato terzo. Secondo è Thierry Neuville, con una Hyundai senza la specifica più recente di motore né il cambio con palette dietro al volante. Non è priva di sbavature il run di Mikkelsen, attardato di 8″ causa breve digressione fuoristrada, nella neve fresca.

    Passato l’intermezzo della SS13, la prova sprint di Hagfors, la leadership di Mikkelsen traballa pesantemente nella SS14, per un testacoda che gli fa perdere 20″.

    E’ il passaggio con il salto di Colin’s Crest e a volare davanti a tutti è Ogier, seppur lamentandosi delle condizioni scivolose. Ricordiamo che l’iridato per tutta la giornata odierna è partito da apripista, come vuole il regolamento. Neuville si conferma in palla e termina a 3 decimi dalla Volkswagen. Continua sotto una cattiva stella il rally di Svezia per Latvala, attardato di 45″ per un testacoda.

    La giornata continua con un Ogier molto scontento delle traiettorie sulla prova di Fredriksberg 2 e la SS17, puntando il dito verso le macchine del rally storico, partite prima e a rovinare ulteriormente il fondo, praticamente sterrato su alcune prove. Lo stravolgimento di classifica avviene nella speciale 18, quando Neuville fa la miglior speciale della carriera (sue parole) e rifila 5″ a Ogier, 8″8 a Mikkelsen e si prende la leadership del rally. Una gara apertissima, tutta da decidere nelle posizioni a podio, con il rischio che un errore dei primi tre possa rimettere in partita Mads Ostberg, solidamente in quarta posizione.

    CLASSIFICA RALLY SVEZIA SS18/21

    1. T. NEUVILLE :29:54.5

    2. A. MIKKELSEN +1.5

    3. S. OGIER +9.6

    4. M. OSTBERG +53.4

    5. o. TANAK +1:29.2

    6. H. PADDON +2:35.7

    7. M. PROKOP +3:03.1

    8. E. EVANS +3:22.1

    9. K. MEEKE +3:22.5

    10. Y. PROTASOV +4:19.6

    Cronaca prima giornata

    E’ un Rally di Svezia 2015 apertissimo, quello che va verso la chiusura della prima giornata, con 9 prove su 10 disputate. In testa c’è Andreas Mikkesen, balzato davanti nel corso della nona speciale, dopo che la battaglia era stata tutta tra Ogier e Latvala. Le sorti del rally sono mutate al pomeriggio, dopo le speciali mattutine vinte dal francese (3 su 4) e Latvala non a proprio agio nei passaggi più stretti. Nella speciale 6, l’inizio della rimonta, complice un problema ai tergicristalli sulla Polo di Ogier.

    Ha provato a ripararli, senza riuscire nell’impresa e con la neve che iniziava a cadere copiosamente. Per di più, nel tentativo di riparazione, il campione del mondo ha dimenticato di chiudere il cofano con gli sganci rapidi e si è aperto rompendo il parabrezza. Con tante emozioni in sequenza, da segnalare la prima vittoria di Protasov nel Wrc, la speciale di Kirkenaer è sua. Anche Kubica è andato forte, chiudendo la prova a 9 decimi da Latvala. Ma per il polacco le cose sono peggiorate irrimediabilmente nel corso della speciale numero 7, quando ha rotto la trasmissione (l’albero o il differenziale) e la Fiesta RS si è trasformata in una due ruote motrici. Tutto da buttare, quando si trovava in sesta posizione nella generale.

    Stesso problema per il nostro Bertelli, che non è proprio partito per la SS6 e domani rientrerà nel Rally2. Problematico il pomeriggio anche di Kris Meeke, con un errore ha lasciato per strada 3 minuti, dopo essere finito in un banco di neve, imitato nella speciale 8 da Elfyn Evans.

    Con questa situazione si è andati verso la speciale numero 9, penultima prima della prova spettacolo di Karlstad. Mikkelsen ha rimontato ben 27 secondi a Ogier, protagonista di un errore: «Ho frenato troppo tardi, credevo fosse ok, ma non lo è stato e abbiamo colpito un banco di neve in una curva lenta», dirà a fine prova. E come se non bastasse, Latvala – anche lui in vantaggio su Ogier – ha commesso un errore a 500 metri dal fine prova, restando incagliato nella neve e soccorso dagli spettatori che hanno provato a riportarlo in strada: quasi 8 minuti persi e rally di Svezia alle ortiche. La sorte sorride così al norvegese di casa Volkswagen, secondo miglior tempo di speciale alle spalle di Neuville.

    CLASSIFICA RALLY SVEZIA 2015 – SS9/21

    1. A. MIKKELSEN 1:12:27.7

    2. T. NEUVILLE +19.7

    3. M. OSTBERG +20.6

    4. S. OGIER +26.1

    5. O. TANAK +1:06.1

    6. H. PADDON +1:36.0

    7. M. PROKOP +1:59.1

    8. Y. PROTASOV +2:11.8

    9. H. SOLBERG +2:17.8

    10. E. EVANS M 1:15:15.1 +29.6 +2:47.4

    Le prime due speciali

    Una “sorpresa” e una conferma. Il risultato delle prime due speciali del Rally di Svezia 2015 è questo. Pontus Tidemand e Sebastien Ogier sono rispettivamente i vincitori della prova spettacolo di giovedì sera e della SS2, primo passaggio di Torsby e speciale inaugurale del venerdì. Sui 1900 metri della prova spettacolo ricavata nell’ippodromo di Karlstad (ripetuta stasera a chiusura della giornata), il giovane svedese con la Fiesta Wrc2 ha messo tutti in riga, seppur con distacchi nell’ordine di pochi decimi.

    Altra musica stamane, quando Ogier ha sfruttato il vantaggio di partire per primo e trovare il fondo ghiacciato in perfette condizioni per le Michelin chiodate.

    Miglior tempo sui 14,7 chilometri di Torsby 1, davanti a Latvala di 2″6 e 7″ più veloce di Meeke. L’inglese su Citroen DS3 si è detto tutto sommato contento e ha riportato come il fondo fosse più scivoloso del previsto; meno bene le sensazioni di Latvala, in difficoltà nei passaggi più lenti e stretti, mentre sul veloce la Volkswagen Polo R l’ha soddisfatto: potrebbe apportare modifiche al service di metà mattina, prima della SS5 che partirà alle 13:30.

    Stava andando forte anche l’estone Tanak, salvo perdere 15″ dei 19″ accusati al traguardo nell’ultimo split: note sbagliate, Fiesta che va in un banco di neve e pilota costretto a fare retromarcia. Ci sono ancora tre speciali da disputare, poi tireremo le prime conclusioni della giornata in Svezia.

    CLASSIFICA RALLY SVEZIA SS2/21

    1. Ogier

    2. Latvala +2″

    3. Ostberg +7″2

    4. Mikkelsen +8″2

    5. Meeke +8″5

    Lo shakedown

    Il ghiaccio nei dintorni di Hagfors inizia a scaldarsi, con i primi passaggi delle Wrc nello shakedown del Rally di Svezia 2015. Prima speciale alle 20:00 italiane, una prova spettacolo di 1900 metri e rotti, in vista della vera prima giornata di venerdì. Nell’attesa, Sebastien Ogier stacca il miglior tempo sui 4 chilometri di speciale dello shakedown, precedendo Kubica di 2 decimi, Meeke di 3 e Mikkelsen di 5, poi Latvala a 9 decimi, quinto. Si preannuncia un gran rally, con la mina vagante di un Kubica con gomme Pirelli, contro gli ufficiali Michelin. Da segnalare anche un incidente che ha visto coinvolto Michal Solowow, andato a colpire un fotografo che stazionava in un punto dopo un duplice salto, sul quale il pilota ha perso il controllo della Fiesta. Gli organizzatori hanno rassicurato sulle condizioni del fotografo, senza grandi traumi all’arrivo dell’ambulanza.

    Il programma

    Giovedì 12 febbraio

    20:08 SS1 – Karlstad 1 (Super Special Stage) -1.90 km

    Venerdì 13 febbraio

    08:29 SS2 – Torsby 1 -14.76 km

    09:27 SS3 – Röjden 1 -18.73 km

    10:36 SS4 – Finnskogen 1 -20.76 km

    11:21 SS5 – Kirkenær 1 -7.07 km

    13:27 SS6 – Kirkenær 2 -7.07 km

    14:19 SS7 – Finnskogen 2 -20.76 km

    15:16 SS8 – Röjden 2 -18.73 km

    16:35 SS9 – Torsby 2 -14.76 km

    19:00 SS10 -Karlstad 2 (Super Special Stage) -1.90 km

    Sabato 14 febbraio

    07:48 SS11 – Fredriksberg 1 -18.15 km

    08:37 SS12 – Rämmen 1 -22.76 km

    09:24 SS13 – Hagfors Sprint 1 -1.87 km

    10:08 SS14 – Vargåsen 1 -24.63 km

    13:26 SS15 – Fredriksberg 2 -18.15 km

    14:15 SS16 – Rämmen 2 -22.76 km

    15:02 SS17 – Hagfors Sprint 2 -1.87 km

    15:46 SS18 – Vargåsen 2 -24.63 km

    Domenica 15 febbraio

    08:57 SS19 – Lesjöfors -15.00 km

    09:48 SS20 – Värmullsåsen 1 -15.87 km

    12:08 SS21 – Värmullsåsen 2 (Power Stage) -15.87 km

    L’anteprima

    Secondo appuntamento del mondiale Wrc, dopo il Montecarlo, con il Rally di Svezia 2015. Dalle condizioni variabili del Principato si passa alle velocissime speciali, totalmente innevate, che vedranno svettare prevedibilmente i piloti nordici. Su tutti, Jari Matti Latvala, che punta a mettere a segno il quarto successo in carriera, dopo l’ultima affermazione targata 2014.

    Sarà un rally caratterizzato dal fondo molto duro, causa ghiaccio che resiste da settimane e sul quale sono cadute abbondanti nevicate. Il Circus del mondiale ha potuto saggiare le condizioni nei test della scorsa settimana e avranno a disposizione gomme chiodate speciali, con quasi 400 chiodi in tungsteno.

    RALLY SVEZIA 2014

    Complessivamente saranno 308 km di prove cronometrate divisi in 21 speciali, le più lunghe quelle di Vargasen, da 24,6 chilometri e previste al secondo giorno di gara: speciale 14 e 18.

    Quanto ai pronostici, pensare a una nuova tripletta Volkswagen appare difficile, non fosse altro per la concorrenza agguerrita di gente come Ostberg, che farà sicuramente bene nell’appuntamento di casa, e potenziali sorprese come Tanak sulla Ford M-Sport.

    Per la vittoria, il candidato che tutti guarderanno attentamente sarà Latvala: «Ho imparato a guidare le macchine da rally sulla neve e sul ghiaccio, a inizio carriera il Rally di Svezia era il mio preferito, ma adesso sono a mio agio su tutte le superfici. Con la Polo ho sempre avuto un po’ di sottosterzo sulla neve, comunque i test hanno dimostrato che la nuova macchina è migliorata a tal proposito. Aspetto le speciali di Frederiksberg e di Vargåsen, perché sono quelle in cui puoi trovare un buon ritmo e hanno alcuni grandi salti», spiega il finlandese.

    Se al Montecarlo era partito con intenzioni dichiarate di contenere i danni e ragionare in ottica iridata, per questo Svezia Latvala aggiunge dell’altro: «Il secondo posto al Montecarlo mi ha dato ragioni per essere ottimista, se dovessi vincere in Svezia, sottolineerei le mie ambizioni per il titolo. A parte ciò, sono consapevole che saranno della partita per la vittoria Sebastien, Andreas, e Mads Ostberg».

    In casa Hyundai mancherà Dani Sordo, infortunatosi a causa di una caduta in mountain bike, e sostituito da Hayden Paddon, che lascerà la sua i20 a Kevin Abbring: resteranno così tre le macchine schierate, se si considera anche la presenza di Neuville.