WTCC Mosca 2014, risultati gare: vincono Lopez e Ma Qing Hua

WTCC 2014: Tutto sul round di Mosca del mondiale turismo, con qualifiche, gare, risultati e classifiche

da , il

    Questa domenica 8 giugno 2014 è, a suo modo, un giorno storico per l’automobilismo moderno, in quanto è arrivato il primo successo nella storia di competizioni FIA di un cinese: parliamo di Ma Qing Hua, che ha vinto gara-2 del WTCC sul tracciato di Mosca, cogliendo il suo primo successo in carriera al debutto nella categoria. Citroen, anche se meno, dominanti, fanno doppietta anche in questo appuntamento, con Lopez che vince gara-1. Ma andiamo con ordine e vediamo di parlare di entrambe le corse sul circuito russo.

    Grandissimo Gabriele Tarquini

    Gara-1 ha visto Lopez partire in testa, allungare su tutti e ottenere il successo. Dietro però è grande bagarre: Tarquini è bravissimo nel chiudere ogni spiraglio all’arrembante Loeb, che si deve accontentare del terzo gradino del podio. Quarto Muller, che supera Tom Chilton all’ultima tornata. Il debuttante cinese Ma Qing Ha chiude sesto, davanti a Thiago Monteiro. Botto non indifferente tra i compagni di squadra Boskovic e Valente, con quest’ultimo preoccupato di non riuscire a mettere a posto la vettura per gara-2, dove partirà dalla pole.

    Vince Ma Qing Hua, Lopez si ritira

    Seconda corsa dove accade un po’ di tutto: Valente alla fine riesce a prendere il via alla gara, ma i meccanici “dimenticano” la sua vettura sui cavalletti oltre i 5 minuti previsti dal regolamento, e così scatta il “drive-through”. Così è la grande occasione per il debuttante Ma Qing Hua che, partito non benissimo dalla seconda piazza, sorpassa Michelisz e si porta in testa sfruttano la penalità a Valente. Dietro Muller recupera issandosi al secondo posto. Podio chiuso dall’ottimo Mehdi Bennani che riesce a mantenere la posizione dagli attacchi di Coronel. Quinta piazza per Loeb, che non sfrutta l’occasione del ritiro di Lopez. L’argentino incassa il primo zero in classifica generale, spegnendo la sua vettura in partenza. Questa battuta d’arresto però non fa malissimo, dato che mantiene inalterato il vantaggio che aveva su Muller prima di questo weekend. Si torna in pista tra due settimane in Belgio.

    Le qualifiche

    E’ il solito José Maria Lopez a conquistare la pole position a Mosca per il sesto atto del mondiale WTCC 2014. La notizia però è che, finalmente, torna ad esserci competizione nella categoria. Le Honda Civic hanno, in questa pista, chiuso il gap con le più quotate Citroen, con Tarquini e Monteiro che si piazzano in seconda e terza posizione. Soprattutto l’italiano è sembrato in grandissima forma su questo tracciato, come da tempo non si vedeva.

    Loeb quarto, male Muller

    Sebastien Loeb accede alla Q3, ma si deve accontentare della quarta posizione in griglia. Quinta e prima della Chevorlet il buon Tom Chilton. Male Yvan Muller, prima degli esclusi dalla Q3 e che partirà sesto in griglia. Nono il debuttante e quarta C-Elyseé in pista Ma Qing Hua davanti a Hugo Valente, che domani partirà in pole in gara-2.

    Delusione Morbidelli

    La delusione della giornata è certamente Gianni Morbidelli, che in Q1 è uscito di strada danneggiando lo splitter anteriore della sua Chevrolet e partirà solo 17mo.

    Anteprima

    Sta per cominciare il sesto weekend della stagione del WTCC 2014. Citroen sempre leader assolute, ma ora il vantaggio sulle inseguitrici si sta lentamente assottigliando. Lo dimostra anche il fatto che, per la prima volta in stagione, non solo le C-Elyseè avranno la zavorra, ma anche Chevrolet e Honda. Le vetture francesi peseranno 60 kg in più, le altre 20, mentre la Lada sempre zero.

    La sostanza però non cambia, l’attenzione è sempre sul leader del mondiale José Maria Lopez, alla prima diatriba da sbrigare in casa Citroen: Muller lo ha accusato pubblicamente al Salzburgring in gara-2 di averlo buttato fuori, l’argentino si difende dichiarando di non aver proprio visto il compagno di squadra. Prima o poi comunque la bomba doveva scoppiare all’interno del box francese, soprattutto perché a comandarlo al momento c’è l’uomo meno atteso dei tre. Lopez in classifica ha 41 punti sul campione del mondo in carica, 42 su Sebastien Loeb.

    La concorrenza comunque c’è con Honda in gran forma con Monteiro e Chevrolet che può contare sugli ottimi Morbidelli e Coronel. Ora si va a Mosca su un circuito caratterizzato da brusche frenate e curve molto lente. Vedremo se sarà ancora tripletta Citroen davanti, o forse anche poker, dato che da questo weekend la casa francese avrà anche una quarta vettura, guidata dal cinese Ma Qing Hua.