Yamaha: Jorge Lorenzo voleva ritirarsi

Jorge Lorenzo nel 2008 aveva pensato di ritirarsi dal motociclismo sportivo

da , il

    Nel 2008 il vice-campione del mondo Jorge Lorenzo aveva seriamente pensato al ritiro dalle corse di moto.

    A rivelarlo è lo stesso pilota maiorchino del Team Fiat Yamaha, che ha confessato di aver preso seriamente in considerazione la rinuncia alle gare motociclistiche in seguito a una serie di cadute avvenute durante la stagione: nel 2008 Lorenzo è caduto in Cina, rompendosi entrambe le caviglie, a Barcellona (dove aveva battuto violentemente la testa) e a Laguna Seca (sbalzato dalla M1 un brutto high-side).

    In un primo momento, ho deciso di smettere di correre. Ero convinto che se avessi continuato a correre sarei potuto morire.

    Jorge Lorenzo nel 2008 aveva pensato di ritirarsi dal motociclismo sportivo. Le cadute in Cina, a Barcellona e a Laguna Seca – tre incidenti molto brutti e pericolosi – avevano spaventato il maiorchino, spingendolo a pensare di appendere il casco al chiodo.

    Dopo la brutta caduta nelle prove di Barcellona, mi sono quasi rotto la testa… Non riuscivo a ricordare il mio nome o quello che avevo fatto. Quando ho ripreso coscienza non ricordavo chi ero e cosa stava succedendo,” confessa Lorenzo, “Ma alla fine anche questa esperienza è servita molto: si può pensare di vincere una Coppa del Mondo quando solo si capisce che ci sono giorni in cui si deve accettare di arrivare secondi o terzi. Di tanto in tanto, dobbiamo accettare il fatto che possa vincere qualche altro pilota.”

    Quello che non ti ammazza ti rende più forte, si usa dire. E Lorenzo lo conferma: cade, pensa al ritiro, ma si rialza e nel 2009 corre un’ottima stagione, arrivando secondo (ma cadendo in una corsa cruciale nell’inseguimento a Valentino Rossi). Gli è servita la lezione? E saprà sfruttarla al meglio nel 2010?