Yamaha: Lorenzo non vuole sostituire Valentino Rossi

Dopo l'infortunio di Valentino Rossi il suo compagno di scuderia in Yamaha, lo spagnolo Jorge Lorenzo, si è accollato sulle sue spalle tutto il peso del mondiale MotoGP: Lorenzo è il nuovo leader della classe regina e si ritrova a correre da unico top rider nel Team Fiat Yamaha

da , il

    Dopo l’infortunio di Valentino Rossi il suo compagno di scuderia in Yamaha, lo spagnolo Jorge Lorenzo, si è accollato sulle sue spalle tutto il peso del mondiale MotoGP: Lorenzo è il nuovo leader della classe regina e si ritrova a correre da unico top rider nel Team Fiat Yamaha.

    In fin dei conti, ero proprio quello che lo spagnolo desiderava da tempo, ma ora sembra fare marcia indietro (almeno nelle dichiarazioni) e dice di non avere intenzione di sostituire Valentino.

    E sabato Lorenzo ad Assen potrebbe chiudere definitivamente il discorso iridato…

    Nel Gran Premio d’Olanda di MotoGP che si corre questo week-end ad Assen lo spagnolo Jorge Lorenzo sarà chiamato a confermare la leadership in campionato e mettere al sicuro un titolo iridato che Yamaha non vogliono farsi sfuggire.

    E’ la sua grande occasione di dimostrare di poter essere l’erede di Valentino Rossi, anche se nelle ultime dichiarazioni Porfuera ha annunciato di non volersi sostituire a lui: “Non voglio essere il nuovo Rossi e non è mia intenzione sostituire Vale,” ha infatti detto Lorenzo.

    Ma di fatto adesso Lorenzo è lì davanti e Valentino è fuori gioco, dovesse anche ritornare per Brno

    Se penso a come è iniziato il mondiale, con la mano rotta in allenamento e la prima gara con i dolori, non posso ancora credere di essere davanti,” ha continuato il maiorchino, “Iniziata la stagione ho pensato solo a fare punti e a finire le gare al meglio possibile.

    E sta di fatto che se Jorge Lorenzo vince anche il Gran Premio d’Olanda Lorenzo di Assen il mondiale MotoGP lo si può anche dare per chiuso, dato che né in rivali della Honda né quelli della Ducati sembrano riuscire a tenere il passo della Yamaha M1.