Yamaha: Lorenzo sarà in Qatar

Dopo la brutta frattura rimediata durante un allenamento nei pressi del circuito di Montmelò, lo spagnolo della Yamaha ha dato il suo ok per la partecipazione all'ultmo test invernale sulla pista di Losai, dove 20 giorni più tardi comincerà il Motoomondiale 2010

da , il

    Nonostante l’infortunio subito il mese scorso, il centauro spagnolo del Team Fiat Yamaha, Jorge Lorenzo prenderà parte ai prossimi test ufficiali di Losail previsti nelle giornate del 18 e 19 marzo. Ricordiamo che Porfuera si è fratturato il pollice della mano destra durante un allenamento nei pressi del tracciato di Montmelò, problema che gli ha impedito di partecipare ai recenti test di Sepang, i quali sono stati dominati dal suo compagno di squadra, nonchè rivale al titolo mondiale, Valentino Rossi. Il domnio del campione di Tavullia ha accellerato i tempi del ritorno del numero 99.

    Dopo la brutta frattura rimediata, al pollice della mano destra, durante un allenamento nei pressi del circuito di Montmelò, il pilota spagnolo della Yamaha, Jorge Lorenzo ha dato il suo ok per la partecipazione all’ultmo test invernale sulla pista di Losai, dove 20 giorni più tardi comincerà il Motomondiale 2010.

    Il vice campione del mondo della MotoGP ha seguito il proprio piano di recupero a Barcellona e ha ricevuto il via libera dei medici per il ritorno ai comandi della sua M1. Lorenzo non può permettersi di mancare all’appuntamento con l’ultimo test pre stagionale prima dell’inizio ufficilale della stagione, l’11 aprile in Qatar. La mano non è più gonfia e anche se lo spagnolo dovrà continuare la fisioterapia per ridare elasticità al muscolo intorno alla frattura.

    Il dominio evidenziato dal collega Valentino Rossi, nei precedernti test, ha forse accellerato la voglia di tornare in pista da parte del giovane talento iberico: “oggi andiamo in Qatar per l’ultimo test invernale e sarà importante essere là. Sono passate cinque settimane dalla frattura, ma non potevamo perderci l’ultimo test perché sarebbe troppo negativo per la nostra preparazione: la prima gara è troppo vicina”.

    Per proteggere l’arto infortunato, i medici hanno preparato una speciale protezione in fibra di carbonio e Dainese ha modificato il guanto con il quale andrà in pista il numero 99 della M1.