Yamaha MotoGP: Brivio e la nuova YZR-M1

La Yamaha YZR-M1 2010 è una neonata già carica di responsabilità

da , il

    La Yamaha dovrà confermarsi nel 2010 la moto regina della MotoGP, avendo vinto l’anno scorso il mondiale piloti, quello costruttori e quello a squadre con il Team Fiat Yamaha.

    E per raggiungere l’obiettivo, oltre a schierare due top rider quali il campione del mondo Valentino Rossi e lo spagnolo Jorge Lorenzo, punta sulla tecnologia della nuova YZR-M1.

    Ecco l’opinione sulla moto 2010 di Davide Brivio, team manager di Valentino Rossi.

    La Yamaha YZR-M1 2010 è una neonata già carica di responsabilità… La nuova M1 dovrà infatti dimostrarsi all’altezza della moto che la scorsa stagione è riuscita a vincere tutto in MotoGP: titolo piloti, costruttori e squadre.

    Valentino Rossi e Jorge Lorenzo ci hanno messo tutto il loro talento, ma è anche vero che la Yamaha YZR-M1 si è distinta tra i prototipi MotoGP per affidabilità e prestazioni, giocando un ruolo centrale nella conquista del nono titolo iridato del Dottore e nel podio conquistato dallo spagnolo, giovanissimo vice campione della classe regina.

    “
Il lavoro principale sulla Yamaha YZR-M1 2010 si è concentrato in due direzioni,” ha dichiarato Davide Brivio, “Innanzitutto, abbiamo cercato di migliorare il telaio della M1, che era già buono, per migliorare le caratteristiche di guida della moto. In secondo luogo abbiamo lavorato sul motore, per via del cambio regolamentare.

    Il nuovo regolamento! Da quest’anno ogni pilota della MotoGP avrà a disposizione solo 6 motori per tutta la stagione, motori che dovranno essere estremamente affidabili e duraturi: “Questo è stato il lavoro dei nostri ingegneri,” ha commentato a tal proposito Brivio, “La loro missione è quella di mantenere le già buone prestazioni della moto e di allungare la durata del motore!