Yamaha MotoGP: Valentino Rossi non si tocca!

Era inevitabile che in questi giorni si parlasse molto di Valentino Rossi e della Yamaha: la presentazione malese della nuova Yamaha M1 e i primi test ufficiali della MotoGP hanno riportato sotto i riflettori il nove volte campione del mondo e la sua scuderia

da , il

    Era inevitabile che in questi giorni si parlasse molto di Valentino Rossi e della Yamaha: la presentazione malese della nuova M1 e i primi test ufficiali della MotoGP hanno riportato sotto i riflettori il nove volte campione del mondo e la sua scuderia.

    Gli argomenti più caldi sono ancora una volta la sua rivalità con Jorge Lorenzo, il suo presente nel Fiat Yamaha Team e la corsa al titolo iridato 2010 e il suo futuro dopo la scadenza del contratto che lo lega alla casa giapponese. Ecco le opinioni di Davide Brivio.

    Valentino Rossi non si tocca: questa in sintesi la posizione di Davide Brivio, team manager del campione italiano della Yamaha.

    Direi che sarebbe meglio non toccare nulla e lasciare tutto così com’è: Valentino è un grande campione che ha vinto tanto e continua a vincere,” ha dichiarato Brivio a Sepang, “Se potessi cambiare qualcosa, vorrei vederlo più rilassato e poter condividere con lui più tempo, perché normalmente è sempre molto impegnato e attorniato dai suoi tifosi. In generale, comunque, meglio lasciare tutto com’è, perché va benissimo così!

    Logico che in Yamaha vogliano tenersi stretto il loro numero 46, ma di fatto bisogna risolvere questioni delicate come la rivalità interna con Jorge Lorenzo (e probabilmente Ben Spies) e le sirene della Ducati che continuano a richiamare il campione del mondo verso Borgo Panigale.

    La rivalità tra Rossi e Lorenzo è una situazione molto difficile da affrontare e da gestire, perché questi giovani rivali vorranno assolutamente spodestarlo dal trono, mentre Vale vorrà mantenere lo status di numero uno e di punto di riferimento per Yamaha,” ha continuato il team manager, “Ovviamente Vale ha tutto da perdere, perché è più facile essere lo sfidante, piuttosto che il detentore del titolo. Credo che Valentino affronterà questa situazione con ancora più motivazione e impegno. Vedremo se questo basterà ancora.

    Penso che la situazione di Valentino sia un po’ diversa dalle altre, perché tutti si aspettano da lui la prima decisione, la prima mossa. Se continuerà a correre, penso che Yamaha non veda l’ora di rinnovargli il contratto,” ha concluso Brivio, “Sarà un’estate calda, con quattro piloti disponibili per tre Case, e qualcuna di queste dovrà avere due top rider. Al momento questa Casa è Yamaha; vedremo se saremo in grado di mantenere questa situazione. In ogni caso, penso che ci possa essere qualche cambiamento. Vedremo se saremo bravi abbastanza per mantenere tutto così com’è.