Yamaha rinuncia al World Supersport 2010

La Yamaha si ritira dalla Supersport da campione: nonostante la vittoria del titolo iridato Supersport 600 da parte di Cal Crutchlow, il team ufficiale Yamaha non parteciperà alla prossima edizione della categoria minore del campionato WSBK

da , il

    La Yamaha non schiererà il suo team ufficiale nel campionato World Supersport 2010.

    La notizia – che circolava in maniera ufficiosa già da alcuni mesi – è stata confermata dal responsabile dell’attività Superbike e Supersport della casa dei tre diapason, Laurens Klein Koerkamp, ed arriva proprio nell’anno in cui il Team Yamaha World Supersport ha conquistato il titolo mondiale piloti con Cal Crutchlow.

    La Yamaha si ritira dalla Supersport da campione: nonostante la vittoria del titolo iridato Supersport 600 da parte di Cal Crutchlow, il team ufficiale Yamaha non parteciperà alla prossima edizione della categoria minore del campionato WSBK.

    Le ragioni sono da cercare nelle strategie sportive ed aziendali della Yamaha Motor Europe, che di fatto hanno tagliato i budget della Supersport: già da tempo si era cercato un accordo di partnership con altre strutture che potessero gestire le YZF R6 iridate, ma le condizioni imposte dalla Yamaha erano troppo rigide e tutti i possibili “soci” si sono tirati indietro. Dopo la vittoria mondiale si è anche cercato di far cambiare idea ai vertici, ma questi non si sono lasciati convincere.

    La Yamaha ha preso la decisione di non continuare nel progetto Supersport, come abbiamo fatto in passato a causa della mancanza di budget,” ha dichiarato Koerkamp, “Stiamo ancora cercando di trovare una squadra con cui lavorare, ma realisticamente, se non lo troveremo per i test di Portimao di gennaio, non credo che sarà possibile per queste moto correre in Supersport il prossimo anno.

    I componenti della squadra adesso sono in cerca di un nuovo impiego con altre strutture, mentre continueranno a correre le Yamaha R6 dei team privati.