MotoGP Catalunya. Rossi si toglie il cappello davanti a Stoner

MotoGP Catalunya

da , il

    MotoGP Catalunya. Rossi si toglie il cappello davanti a Stoner

    Un secondo posto che brucia come sale su una ferita aperta, eppure il risultato di Valentino di oggi è stato questo.

    Dopo una entusiasmante pole position conquistata abbattendo di un secondo il precednte record, la gara di domenica non ha prmiato Valentino con il gradino più alto del podio.

    Nessun rimorso, però, per il folletto di Tavullia. La sua gara è stata egregia, così come quella dell’australiano di Curri Curri, e il risultato, almeno questa volta, sembra lo specchio fedele della gara.

    Che gara, ragazzi!” – ha esclamato Valentino, riconoscendo la bravura di Casey Stoner – Anche se mi dispiace non aver vinto, è stata una grande emozione poter essere parte di una gara così e mi sono divertito moltissimo. È stato davvero un duello fantastico fino alla fine, moltissimi sorprassi incredibili di tutti e due in diverse parti del circuito! Sfortunatamente ho perso un po’ all’inizio ed è stato piuttosto difficile superare Hopkins perché era eccezionale in frenata. Con Stoner poi c’è stata una bella lotta e sinceramente non avrei potuto spingere più di così per cercare di vincere, è stato comunque un grande avversario. In alcuni settori avremmo potuto fare meglio oggi, non solo in rettilineo ma anche in alcune curve. È stata comunque una bella esperienza e ci aiuterà a capire ciò di cui abbiamo bisogno per continuare a migliorare. La Yamaha e la Michelin stanno lavorando molto e lo dimostra il fatto che oggi siamo riusciti a lottare fino alla fine. Naturalmente sono dispiaciuto perchè qui a Montmelò ho vinto molte volte e volevo vincere ancora, ma come ho già detto non credo che oggi avrei potuto fare di più! Sappiamo di poter battere Stoner ma oggi ha guidato come un dio ed è un avversario fantastico, per cui congratulazioni a lui.