Alonso: fortuna con la “C” maiuscola?

Come fanno notare dal NG italiano sulla F1 (ma chiunque avrà avuto modo di constatarlo…), anche in Germania il bravissimo Alonso è stato un po’ aiutato dalla fortuna!

da , il

    Alonso: fortuna con la “C” maiuscola?

    Come fanno notare dal NG italiano sulla F1 (ma chiunque avrà avuto modo di constatarlo…), anche in Germania il bravissimo Alonso è stato un po’ aiutato dalla fortuna!

    La sorte non lo ha aiutato a vincere, ma gli ha permesso di limitare notevolmente i danni…

    Guasti vari, infatti, impediscono a De La Rosa, Barrichello e Webber di arrivare in fondo e quindi davanti allo spagnolo.

    Ralf Schumacher si tira subito fuori dai giochi per un contatto e Trulli gli arriva dietro solo perché era partito ultimo dopo un motore cambiato al sabato.

    Come se non bastasse, verso la fine Alonso fa anche un fuori pista che ha del miracoloso per le conseguenza che (non) ha.

    In quei casi, alla meglio, si perde qualche posizione. Se va così così si saluta qualche pezzo di aerodinamica e si prosegue…

    Alla peggio si perde il controllo della vettura definitivamente.

    Per il campioncino spangolo, invece, il numero di alta scuola prevede: uscita di pista, vettura ripresa al volo, rientro in careggiata e – miracolo – nessun sorpasso subito da parte di ben due piloti che gli stavano a già dietro da qualche giro!

    Strabiliante…

    Un po’ meno da fuochi d’artificio è il fatto che in molti davanti a lui si siano arresi per cause teniche e gli abbiano regalato punti pesanti. Anzi direi che in quel caso NON ha proprio senso parlare di fortuna.

    E’ successo anche a Michael Schumacher in Malesia di aver raggiunto qualche punto grazie ai ritiri di chi gli stava davanti.

    In F1 avere una vettura affidabile è sicuramente un merito tanto quanto averne una che ti permette di vincere con 30 secondi di distacco dagli avversari.