Andrea Dovizioso e Daniel Pedrosa: è già guerra in Honda HRC

Honda HRC con Daniel Pedrosa e Andrea Dovizioso: già aria di crisi tra l'italiano e lo spagnolo

da , il

    Andrea Dovizioso e Daniel Pedrosa: è già guerra in Honda HRC

    Non può dire di non essere stato avvertito.

    Andrea Dovizioso, nuovo asso della MotoGP, approdato da appena qualche giorno in Honda HRC, inizia ad “assaporare” il delizioso ambientino in cui è capitato.

    Chiusi i battenti del Campionato 2008 e on air con i test sulle nuove moto e scuderie, Andrea Dovizioso inizia a tirare le prime somme di questi primissimi passi nella scuderia arancia targata Repsol.

    E che dire, i primi passi non sono dei migliori.

    Idealista e determinato, fiducioso di trovare un ambiente collaborativo nella scuderia ufficiale Honda, Andrea Dovizioso sembra invece meravigliarsi del trattamento geido riservatogli dallo spagnolo Daniel Pedrosa e dal suo simbiontico manager Alberto Puig.

    Ho mangiato vicino a Pedrosa racconta Dovi – e lui non mi ha neppure guardato in faccia e neanche il suo manager. La cosa non mi ha sorpreso perche` so che sono fatti cosi. Se loro dovessero continuare ad avere questo atteggiamento non mi aiuteranno a fare il primo passo. E` importantissimo visto che dobbiamo lavorare assieme“.

    Andrea Dovizioso, come ogni pilota al suo posto, ha ragione a cercare un ambiente collaborativo. Si scende in pista per portare la vittoria a sè stessi e alla propria squadra, non per farsi lotta tra team-mate.

    Non è passato comunque molto tempo dalla risposta secca dello spagnolo di poche parole: “Finora non abbiamo parlato e abbiamo lavorato ciascuno nel proprio box. è stata la lapidaria replica di Pedrosa, che ha aggiunto – Quello che piu` aiuta una collaborazione a sviluppare la moto e` mantenere le cose chiare. Alla Yamaha le cose hanno funzionato bene nonostante un muro tra i due piloti. E` anche normale quando un compagno di squadra e` anche un potenziale rivale“.

    Forse bisognerebbe informare il piccolo Daniel che con questo atteggiamento non si va molto avanti e non si vincono i Mondiali.

    Ma questo, Daniel, dovrebbe averlo già visto…