Assen: L’HRC mostra il guanto

La gara motociclistica di Motogp 2006 di Assen si e' appena svolta e moltissima e' la delusione di qualche pilota, ma anche la soddisfazione di altri, che dopo questo appuntamento pensano al prossimo

da , il

    Assen: L’HRC mostra il guanto

    Si guarda indietro Hayden, dopo il gran premio di Catalogna, per vedere dove stia Valentino Rossi in classifica generale. Lontano, certo, a -29, ma improvvisamente sembra diventato più temibile, forse quello che è sempre stato, anche senza poterlo dimostrare.

    Non ce l’ha fatta, invece, Dani Pedrosa ad acciuffare la seconda posizione in classifica generale domenica scorsa nel GP di Catalunya. Una scivolata e addio punti consistenti. Un peccato, soprattutto perchè Dani poteva contare anche sul fatto di correre in casa, davanti al suo pubblico.

    Poco male, invece. Il piccolo spagnolo non si scompone, pensa già alla prossima gara che si disputerà tra qualche giorno appena sul circuito olandese di Assen e dichiara: “Andando ad Assen ci si pongono due domande; la prima è come sarà il tracciato modificato e la seconda è il tempo che lì è sempre molto instabile con probabilità di pioggia. Naturalmente speriamo che il tempo tenga e che la pista sia asciutta. Qui ho ottenuto la mia prima vittoria nella classe 125 ma quest’anno il circuito modificato ci “costringerà” a imparare di nuovo la pista e soprattutto sarà la prima volta che ci vado con una MotoGP, quindi dovremo lavorare molto nelle prove. Per certi versi è meglio che questa corsa venga subito dopo il Gp di Catalunya, così smaltirò prima la delusione e cercherò il miglior risultato possibile.”

    Hayden, dal canto suo, può rimanere “relativamente” tranquillo con i suoi 29 punti di vantaggio in classifica generale, anche se Valentino fa paura. Nicky però non si perde d’animo, sa che può contare su un’ottima squadra e una moto senza eguali, e dichiara: “Sarà interessante scendere in pista giovedi per vedere il nuovo tracciato di Assen che è stato modificato. Sono andato sempre abbastanza bene su questa pista e oltre che per i piloti questa sarà una bella sfida anche per le squadre. La messa a punto della moto infatti sarà molto differente da Gp di Spagna. Il Team sta lavorando duramente per me ed ora che sono in testa al mondiale dobbiamo continuare a lavorare per essere costanti ogni weekend di gara.”

    Sarà un caso, ma queste parole ricordano molto quelle di qualcun altro che al Mugello aveva detto: ” D’ora in poi dobbiamo provare a vincerle tutte...”