Ayrton Senna batte Schumacher nella classifica dei piloti più veloci di sempre!

Un’interessantissima indagine condotta dal magazine F1 Racing incorona Ayrton Senna come il pilota più veloce di tutti i tempi

da , il

    Ayrton Senna batte Schumacher nella classifica dei piloti più veloci di sempre!

    Un’interessantissima indagine condotta dal magazine F1 Racing incorona Ayrton Senna come il pilota più veloce di tutti i tempi.

    Per arrivare a questa “insindacabile” conclusione, la testata inglese ha elaborato un rigoroso e preciso calcolo (quasi) scientifico.

    F1 Racing ha preso in esame le statistiche riguardanti le prestazioni di tutti i piloti della storia della F1 e le ha rapportate con i loro compagni di squadra. Come si dice sempre in questi casi, infatti, il compagno è un alleato ma anche il primo avversario da battere.

    Il criterio è stato sviluppato seguendo indicazioni di esperti come Jean Todt, Pat Symonds, Eddie Jordan, Charlie Whiting e il Presidente della FIA Max Mosley.

    L’esito è stato scontato. Ma solo fino ad un certo punto. Ayrton Senna, infatti, si è rivelato il più veloce in assoluto stando l’89% delle volte davanti al suo compagno di squadra e riuscendo persino a battere l’uomo dei record Michael Schumacher (secondo con l’86%).

    Tra quelli ancora in grado di impensierire Senna, cioè i piloti in attività, i più veloci risultano ovviamente Fernando Alonso che si piazza ottavo nella classifica generale con il 67% e Kimi Raikkonen, tredicesimo. Lo spagnolo è subito dietro a Juan Manuel Fangio (sesto) e Mika Hakkinen (settimo) ma davanti a Gilles Villeneuve (undicesimo). Il finlandese deve “accontentarsi”, per il momento, di aver fatto meglio di Alain Prost (quattordicesimo) e Niki Lauda (diciottesimo).

    Comunque in graduatoria infine, ma più staccati e non in grado di impensierire i quartieri alti troviamo il nostro Jarno Trulli (42°), Mark Webber (43°) e Jenson Button (49°).

    Data la sua natura “relativa” non è assolutamente detto, però, che i piloti in attività siano destinati a migliorare la loro posizione. Anzi, qualora le loro prestazione peggiorino col passare degli anni, si vedrebbero persino scendere in classifica.

    Insomma: Senna stia pure tranquillo perché, se non c’è riuscito neanche Schumacher a scalzarlo, sarà arduo per chiunque altro.