Brawn GP legale! 4 enigmi per la superfavorita

La Federazione dichiara legali i diffusori di Brawn GP, Williams e Toyota, Il team di Ross Brawn diventa a questo punto il favorito numero 1 per la vittoria nel GP d'Australia ma Ferrari, Renault e Red Bull ricorrono in appello

da , il

    Mentre sale l’attesa per le prime prove libere del Gran Premio d’Australia di F1, la Brawn GP incassa, assieme a Toyota e Williams l’approvazione ai propri diffusori e si merita la palma di superfavorita di questo avvio di stagione. Il parere arriva tanto dagli esperti del settore quanto dagli scommettitori. Sul conto del team di Ross Brawn, però, pesano 4 grosse, grasse, decisive incognite.

    DIFFUSORI LEGALI. I diffusori di Brawn GP, Toyota e Williams sono stati dichiarati legali. A nulla è valso il ricorso presentato da Ferrari, Red Bull e Renault. Secondo queste 3 squadre, le vetture sotto inchiesta non avevano rispettato il capitolo 13 dell’articolo 171 del codice sportivo. Dopo aver incassato il parere favorevole da parte del delegato tecnico Charlie Whiting in fase di progettazione, sarebbe stato ben più clamoroso se le 3 scuderie non fossero stato ritenute idonee. Ad ogni modo, Ferrari, Red Bull e Renault hanno presentato appello. Per cui, ecco il primo punto interrogativo: quando dopo il secondo GP dell’anno verrà discusso il ricorso a Parigi, la Brawn GP sarà squalificata?

    VITTORIA SICURA? Raccolto l’OK della Federazione, la Brawn GP mostra i muscoli. Se le prestazioni di Toyota e Williams sembrano comunque in linea con la concorrenza, da più parti arriva una strana certezza: sarà la squadra di Ross Brawn a dominare la corsa. Gli altri potranno ambire al massimo al terzo gradino del podio. E’ tutto vero? I risultati dei test sono corrispondenti alla realtà delle forze in campo? Non c’è condivisione di idee a tal proposito, ma tanto da una parte che dall’altra ci sono autorevoli esperti pronti a scommettersi di tutto. E, proprio in tema di scommesse, arriva la sentenza dei bookmakers: Brawn GP strafavorita! Per alcuni, Button e Barrichello hanno la vittoria in tasca.

    BUTTON O BARRICHELLO? Se è vero che la Brawn GP ha una marcia in più, nel GP d’Australia assisteremo ad un duello tra i suoi due piloti. Chi la spunterà? La logica direbbe Button che è sicuramente la prima guida virtuale del team. Rubens Barrichello ha comunque dimostrato di valere tanto quanto l’inglese e, se Ross Brawn decidesse di non adottare la tattica Ferrari ai tempi di Schumacher, ne vedremo delle belle. In caso contrario, il povero Rubinho rischia un ricovero urgente per travaso di bile.

    4 GARE E POI? Una volta appurato che i diffusori sono legali, scoperto se la forza della Brawn GP è reale o illusoria e capito chi sarà il pilota di punta tra Button e Barrichello, resta un ultimo drammatico enigma da sciogliere: quanto durerà la favola del team di Brackley? Secondo Ecclestone, il futuro della scuderia è a forte rischio in quanto, anziché accettare il suo aiuto per subentrare alla Honda, Ross Brawn ha finito col presentarsi come se fosse una nuova entità. Da qui ne deriva l’arretramento nell’ultima posizione in griglia e, notizia delle ultime ore, il nuovo cambio di numeri da 20 e 21 a 22 e 23 in quanto il 18 e 19 sono stati virtualmente riassegnati all’assente Honda. Con queste complicazioni ed un ammanco stimato attorno ai 22 milioni di Euro, lo spettro dei 4 Gran Premi da qui al fallimento aleggia ancora.