Bruno Senna: ecco la Formula 1

Bruno Senna si appresta a debuttare con la Honda di Formula 1 nei test di Barcellona della prossima settimana

da , il

    Da immaginifico sogno a remota speranza fino a possibilità concreta, sono queste le tappe che hanno separato, dal tragico 1994 ad oggi, il ritorno del nome Senna in Formula 1. Bruno Senna, nipote di Ayrton, vicecampione della serie propedeutica GP2, è pronto al salto di categoria e lunedì prossimo girerà con la Honda nei test di Barcellona.

    TUTTO IN 4 ANNI. Quello che deve stupire di Bruno Senna è la rapida ascesa che l’ha visto protagonista. Dal 1994 al 2004, per volontà della madre, non ha più messo piede in una macchina da corsa. Solo 4 anni fa è riuscito a riprendere un discorso interrotto tanto prematuramente quanto drammaticamente. Il suo nome, inutile nasconderlo, ha rappresentato una corsia privilegiata ma, per contro, rischia di fargli pagare un conto salatissimo adesso che gli sconti sono finiti. “Sapevo che questo giorno sarebbe arrivato” - spiega il 25 enne di San Paolo – “adesso darò il massimo per giocarmi le mie chance e spero di essere all’altezza”.

    PREPARAZIONE ALLA F1. Se i suoi colleghi sono alle prese con il rilassamento post-stagionale, Bruno Senna è chiamato ad un esame durissimo. Alla Honda vorrebbero metterlo dentro al posto di Rubens Barrichello ma dovrà essere lui a convicerli:“Sono già stato a Brackley per prendere contatti con gli ingegneri e conoscere le loro procedure. Anche fisicamente mi sto preparando al meglio. Fortunatamente la GP2 mi ha dato già una buona base per cui non credo di avere problemi in questo senso”.

    BRAWN MEGLIO DI BERGER. Per nulla deluso per la mancata chiamata di Berger in Toro Rosso “Rispetto la scelta di Gerhard che con me è sempre stato un amico ma che non ha voluto per questo mischiare gli affetti con il lavoro” Senna gongola all’idea di avere un estimatore del calibro di Ross Brawn:“Ci siamo conosciuti dopo il GP di Monaco. E’ un vincente ed una persona di grande esperienza che mi può insegnare tantissimo. Spetterà a me, però, convincerlo a farmi entrare in Honda”. L’impressione, a dirla tutta, è che più di Brawn sia la Honda a volere di nuovo un Senna tra le proprie fila. E’ con Ayrton, infatti, che sono arrivati alcuni dei più grandi successi tra la fine degli ’80 e gli inizi dei ’90.