Capirossi – Gibernau: si torna a respirare

crash di gibernau e capirossi in spagna

da , il

    Capirossi – Gibernau: si torna a respirare

    Una traiettoria sbagliata, un freno pinzato involontariamente e poi la tragedia.

    Le moto decollano in aria mentre i piloti ruzzolano sulla pista privi di sensi.

    Gibernau parte “in quinta”, disegna una traiettoria alquanto fantasiosa, sbatte contro il compagno di squadra Loris Capirosi, la Ducati dello spagnolo frena bruscamente.

    Moto in aria e pilota per terra. Sete fa in tempo a raccogliersi, più per istinto che per razionalità, a raggomitolarsi in posizione da caduta, ma per varie volte sbatte la testa sull’asfalto fino ad arenarsi, esausto, sulla ghiaia insieme alla sua moto e al compagno di squadra Capirossi.

    Quest’ultimo non dà segni di vita. Giace immobile, la moglie Ingrid, dai box, è il ritratto della paura e della disperazione.

    Si tira il fiato solo quando si vede, prima Gibernau, poi Capirossi, camminare con le proprie gambe davanti alla Clinica Mobile.

    Il bollettino medico è meno tragico di quanto potesse sembrare dalla dinamica dell’incidente.

    Loris Capirossi. Immediatamente trasportato per primo in elicottero, dopo l’incidente, all’Ospedale Generale di Catalunya, sotto l’attenta supervisione del Dott. Mattioli della Clinica Mobile, è stato sottoposto a numerosi controlli che, fortunatamente hanno dato esito negativo. La TAC al torace (eseguita per verificare l’assenza di complicanze al polmone infortunato l’anno scorso al GP d’Australia), le lastre e la risonanza magnetica all’addome non hanno evidenziato particolari problematiche relative agli organi interni. Passata la paura, Loris potrebbe scendere in pista addirittura sabato prossimo in Olanda.

    Sete Gibernau. Sete, invece, ha riportato danni più preoccupanti del compagno di squadra, tanto che dovrà subire un’operazione alla spalla sinistra, già perarltro infortunata. Si tratterà di sostituire una placca di metallo (che Sete già aveva sulla clavicola) con una più grande. Per l’intervento ( e quindi per l’anestesia) bisognerà attendere però almeno 24 ore, a causa la commozione cerebrale di Gibernau.

    Non si sa quando il pilota spagnolo potrà essere di nuovo in pista, di sicuro le sue condizioni sono da tenere sotto controllo e difficilmente potrà guidare la sua moto in Olanda.