Chris Horner: Vettel deve rimanere alla Red Bull

Tempo di rinnovo contratti nel Circus

da , il

    Chris Horner: Vettel deve rimanere alla Red Bull

    Sebastian Vettel è tornato a essere il favorito e il rivale da battere, ma non solo in griglia, anche in casa Red Bull. Dopo la parentesi Mark Webber, che con le due vittorie consecutive a Barcellona e Montecarlo aveva per un attimo oscurato l’astro nascente della scuderia austriaca, il pilota tedesco si è rimpossessato della prima fila e anche ai box è rientrato nei panni del pupillo di casa, tanto che a Milton Keynes, ora che i piloti del Circus sono in periodo di rinnovo ingaggi, si preparano ad assicurarsi la presenza del giovane talento anche per i prossimi anni.CHRIS HORNER. Confermato Mark Webber anche per la stagione 2011, la Red Bull è pronta a concentrarsi sul compagno di squadra Sebastian Vettel, giovane promessa del team del beverone e tra i favoriti nella corsa al titolo iridato di quest’anno. Per il pilota tedesco si prospetta un contratto ben diverso da quello dell’australiano, con il quale la squadra ha siglato un accordo annuale, dal momento che la Red Bull è consapevole del fatto che Vettel faccia gola a gran part dei team concorrenti. E mentre la Red Bull vorrebbe estendere l’attuale contratto per altri quattro anni, il team principal Chris Horner ha intenzione di assicurarsi il talento germanico per un futuro decisamente più a lungo termine: “2028!”, ha ironizzato Horner. “In quell’anno Sebastian avrà quarantuno anni, come Schumacher”. Al momento, l’accordo vede Vettel impegnato con la Red Bull anche il prossimo anno, ma il ventitreenne di Heppenheim ha già attirato su di sé gli sguardi invidiosi degli altri team presenti sulla pista, come la Ferrari e di recente anche la Mercedes GP.

    ALTERNATIVE VINCENTI? Proprio a causa delle “insidie” da parte delle altre squadre, questo weekend, in occasione del gran premio di Gran Bretagna, Horner ha intenzione di sedersi a tavolino con il suo pilota, ha rivelato Sport Bild, per poter discutere l’estensione del contratto fino alla fine del 2015. “So che a Maranello e a Brackley hanno messo gli occhi su Sebastian”, ha confermato Horner, “e anche la McLaren non sarebbe contraria a firmare con lui, per questo vogliamo che rimanga con noi ancora a lungo: Sebastian rappresenta il futuro, starà sulla cresta dell’onda per molti anni e vincerà”. Il futuro campione senza un manager, che ha vinto con entrambe le monoposto targate Red Bull – con la Toro Rosso a Monza nel 2008 e per la prima volta con la Red Bull Racing in Cina, lo scorso anno – deciderà quindi da solo quale direzione prendere, anche se ha già pubblicamente ammesso di voler guidare una monoposto vincente piuttosto che prediligere un’offerta a molti zeri.