Circuiti Formula 1 2008: Shangai, Cina

scheda del circuito di shangai dove si corre la quinta edizione del gran premio di formula 1 della cina nel 2008

da , il

    Domenica si correrà la quinta edizione consecutiva del Gran Premio della Cina di Formula 1. Teatro dell’evento sarà il moderno circuito di Shangai che sorge nella periferia della citta asiatica e che nel suo layout ripercorre l’ideogramma cinese simbolo della parola “shang”.

    GIRO DI PISTA. Subito dopo il traguardo i piloti si trovano ad affrontare il punto più caratteristico della pista con la celebre curva 1 dall’andamento a spirale. Altro luogo di fascino sono le curve 12-13-14 leggermente sopraelevate. I punti caldi per i sorpassi, invece, si trovano al termine dei due lunghi rettilinei. In generale, però, essendo questo un circuito puro della saga di Hermann Tilke, ben al di là delle limitazioni date dai flussi aerodinamici delle vetture moderne, il superamento degli avversari è tutt’altro che un tabù anche in altre zone del tracciato.

    Circuito Shangai

    I NUMERI. Un giro di pista è lungo 5,451 km che percorsi per le 56 volte previste danno una distanza in gara di 305,066 km. Il record sul giro appartene ancora a Michael Schumacher che nel 2004 fermò i cronometri sull’1’32”238. Le curve sono 16 in totale.

    ASSETTO. Data la complessità delle curve e dei rettilinei presenti, è d’obbligo un assetto di compromesso che, a differenza, del Fuji, tende ad essere leggermente più scarico a causa della maggior presenza di curvoni veloci. Normalmente queste condizioni intermedie esaltano la Ferrari che, infatti, ha ottenuto 3 vittorie su 4 occasioni e l’unica volta che non ha centrato il bersaglio è stato nel difficilissimo 2005.

    AMARCORD. Siamo alla quinta edizione. Se la più famosa è indubbiamente quella del 2007 con l’incredibile insabbiamento di Hamilton nella corsia box dopo che aveva girato con gomme talmente usurate da far uscire fuori le tele, vogliamo ricordare il GP del 2004 quando Rubens Barrichello ottenne la prima vittoria della storia della Formula 1 in Cina e l’ultima della sua carriera che, stando agli ultimi rumors di mercato, sembra destinata al termine. Quella stagione la F2004 era di un altro pianeta e con Schumacher già da tempo campione del mondo, negli ultimi appuntamenti stagionali Barrichello riuscì a trovare scampoli di gloria. Allora sul podio salì anche Montezemolo e quel tripudio rosso fu un grande sport per la casa di Maranello nel potenzialmente immenso mercato cinese.