Citroen si prepara al Campionato Italiano Rally 2019

Il marchio del Double Chevron si prepara a macinare i primi chilometri nel CIR 2019 con la C3 R5

da , il

    Citroen si prepara al Campionato Italiano Rally 2019

    Tutto sembra essere pronto per l’inizio di questo Campionato Italiano Rally 2019, appuntamento con il CIR che vede quest’anno in campo una serie importante di novità. Prima su tutte la presenza di un team ufficiale Citroen, che corre con la Citroen C3 R5 e con il duo Rossetti/Mori. Si parte dal Rally Il Ciocco.

    Dopo una lunga egemonia del Campionato Italiano Rally da parte di Paolo Andreucci e la sua Peugeot 208, il 2019 segna un anno di svolta sia per i programmi sportivi del Gruppo PSA. Il CIR 2019 vede infatti la presenza diretta di Citroen Racing, team ufficiale del brand del Double Chevron, che schiera in campo una Citroen C3 R5. Tutto è pronto per cominciare la sfida ad un campionato importante per tutto il marketing del Gruppo PSA, che nel tempo ha saputo sfruttarlo così come ha valorizzato l’immagina dei suoi piloti.

    Guarda anche:

    In questa era che si appresta a cominciare – appuntamento al 22 marzo prossimo con il Rally Il Ciocco – Citroen cercherà di competere per portare a casa un titolo nel corso di un anno molto importante: non solo sarebbe un trofeo arrivato al primo anno di partecipazione, emblematico dato che sottolineerebbe il know how maturo dei francesi in tema di rally, ma il 2019 è esattamente il centenario dalla fondazione di Citroen stessa. Un regalo che potrebbe essere particolarmente gradito.

    La Citroen C3 R5 ufficiale sarà affidata nelle mani del pilota pordenonese Luca Rossetti, navigato da Eleonora vicentina Mori. Il pilota ha un palmarès interessante, che l’ha visto anche trionfare, nel 2008, proprio nel Campionato Italiano Rally. La navigatrice Mori è invece in “campo” dal 2011 e vanta delle vittorie già a bordo di vetture del Gruppo PSA. La C3 R5 che correrà nel CIR 2019 è frutto di un progetto nato nel 2016, per fornire un’auto clienti che diventasse da subito un riferimento per la categoria. Viene spinta da un motore quattro cilindri 1.6 litri con 282 cavalli e 400 Nm di coppia, mentre ovviamente la trazione è integrale ed i due differenziali sugli assi sono autobloccanti.