Dakar, tappa finale: Loeb conquista un posto sul podio per la sua Peugeot

Al termine di una gara entusiasmante e combattuta al netto dei problemi tecnici e le sfortune, Loeb conquista il terzo posto alla Dakar 2019

da , il

    Dakar, tappa finale: Loeb conquista un posto sul podio per la sua Peugeot

    Tappa finale della Dakar 2019 100% Perù. L’atto conclusivo, l’arrivo al termine di una competizione che ha stressato piloti, team, auto ed organizzazione come nessun’altra gara al mondo. Risultato un po’ amaro per Sebastien Loeb e la sua Peugeot 3008 DKR del team PH Sport, perché dopo una gara estremamente combattuta è stato l’errore dell’organizzazione durante la tappa 3 ad inficiare sul risultato finale in modo peggiore.

    Guarda anche:

    Dopo migliaia di chilometri percorsi tra le rocce, le dune di sabbia ed il fesh fesh peruviano, quella sabbia così sottile che somiglia più al pulviscolo, gli equipaggi della Dakar 2019 100% Perù sono finalmente arrivati a destinazione. Con la tappa 10 si conclude un percorso di gara sicuramente non facile e durante il quale ognuno ha dovuto fare i conti con qualche imprevisto.

    L’equipaggio formato da un due stellare e che ha vinto diverse volte il Campionato del Mondo di Rally, Sebastien Loeb e Daniel Elena, ha piazzato la Peugeot 3008 DKR numero #306 del team PH Sport in terza posizione generale, guadagnando così il gradino più basso del podio. Un ottimo risultato se si pensa soprattutto che arriva da un team privato, seppur PH Sport sia particolarmente vicino alla delegazione ufficiale Peugeot, piazzatosi dietro due equipaggi seguiti da team ufficiali. Un piazzamento che però lascia anche un po’ di amaro in bocca, perché la gara è stata condizionata fin da subito, dalla tappa numero tre.

    Le diverse vittorie di tappa hanno permesso a Loeb di recuperare terreno in modo costante su Al Attiyah, leader praticamente indiscusso della classifica generale ed ormai laureatosi ufficialmente vincitore di questa Dakar 2019, ma non è bastato. Durante la terza tappa un errore nel roadbook ha costretto il duo, che partiva in prima posizione data la vittoria della tappa numero due, a perdere 40 minuti girando in tondo per trovare la strada giusta. Ci sono riusciti, ma l’hanno poi così “aperta” anche agli altri equipaggi, che hanno tratto beneficio dall’esplorazione fatta della Peugeot 3008 DKR #306. Questo ha inciso già la gara in modo quasi irrimediabile, così come inamovibile è stata la Direzione Gara nel bocciare il ricorso presentato dall’equipaggio, ma come se non bastasse un piccolo guasta ad un connettore elettrico ha contribuito ad accumulare ulteriore ritardo. Era la settima tappa quando Loeb ed Elena hanno riscontrato questo problema, difficile da capire e che quindi ha fatto perdere ulteriore tempo. Con un problema alla trasmissione durante la tappa successiva hanno poi perso definitivamente le speranze.

    Ma il duo Loeb/Elena, supportati da tutto il team PH Sport, hanno dimostrato che si può vincere, che si può competere e che soprattutto il pilota ed il suo navigatore hanno la stoffa giusta, soprattutto se aiutati da un’auto che, seppur non ha beneficiato della carreggiata allargata della versione “Maxi”, ha saputo ampiamente dire la sua.