Ducati GP9 – Nicky Hayden come Marco Melandri?

Nicky Hayden in sella alla Ducati GP9 di Casey Stoner non brilla come il compagno di squadra, come mai? Feeling da acquistare, ancora

da , il

    Nel dopo-Jerez le prime voci relative a Nicky Hayden sono piuttosto buone: di certo, dalla Ducati GP9 del Kentucky Kid, la stessa che vince la BMW in palio, ci si aspettava di più di un nono posto, ma la fiducia non manca.

    Eppure, questa Ducati vince e convince. Ma solo se in sella c’è Casey Stoner.

    A spezzare una lancia in favore del neoacquisto desmodromico Nicky Hayden c’è sicuramente la buona esperienza del pilota americano, il suo stile di guida, un Titolo alle spalle, una carriera maturata in Honda ufficiale e voglia di fare bene a vagonate.

    Di fatti, però, Nicky non è riuscito a brillare durante le giornate di Jerez de la Frontera, dominate dalla Yamaha M1 di Jorge Lorenzo prima e dalla Ducati GP9 di Casey Stoner dopo. In mezzo, sempre lui, Valentino Rossi e una vivace alternanza di piloti nella cui lista, però, non è comparso il nome del pilota a stelle e strisce.

    Le potenzialità di Hayden, però, sembrano essere ben altre ed è questo in cui sperano a Borgo Panigale.

    Nicky Hayden, dal canto suo, replica: “[...] Abbiamo fatto dei piccolo passi in avanti quindi sono riuscito a fare dei giri abbastanza buoni ma le qualifiche sono state molto difficili. Abbiamo fatto delle modifiche nell?intervallo del pranzo ma queste hanno richiesto troppo tempo [...] poi [...] la frizione ha cominciato a fare i capricci ed ho dovuto passare alla moto due, che avevo usato molto poco durante il fine settimana e che mi dava un feeling abbastanza diverso. Avrei voluto essere più vicino a Casey, che ha dimostrato molto bene di cosa sia capace questa moto, ma ormai siamo arrivati all?inizio del mondiale quindi andremo in Qatar, ci impegneremo al massimo e vedremo cosa succede“.

    Un’ ultima frase dalle mille interpretazioni.

    E potrebbe già spuntare qualche coraggioso che pensa a Nicky Hayden come un futuro Marco Melandri.