Esce la safety car, che cosa fare?

da , il

    Esce la safety car, che cosa fare?

    Stando così le cose, è stato questo probabilmente il momento decisivo del campionato.

    Liuzzi fermo, safety car in pista e Alonso che agguanta un secondo posto. Da quattro punti persi nei confronti di Schumacher a due guadagnati.

    La Ferrari ha deciso di far rientrare entrambi i piloti, consapevole che Schumacher rischiava di riuscire in pista dietro ad Alonso. Onestamente credo che loro fossero convinti di farcela.

    Anche visivamente si è capito che la manovra non è riuscita per una pura questione di decimi. Fatto sta che Alonso ha sopravanzato Schumacher e non gli ha più permesso di ritornargli davanti.

    A conti fatti, dando per scontato che Massa avrebbe poi lasciato la vittoria a Schumi, da un -6 nei confronti di Alonso la Ferrari si ritrova ad un ben più pesante -12!

    Ma cos’altro potevano fare?

    Potevano dare precedenza a Schumi tenendo Massa un’altro giro fuori. Questo avrebbe significato vittoria per il tedesco, secondo posto per Alonso e dal quarto in giù per Massa.

    A conti fatti forse era preferibile questa scelta. Ma in Ferrari, come dicevo, speravano di farcela a tenere Schumi davanti allo spagnolo. E così non è stato per pochissimo.

    Inoltre, anche qualora la manovra fosse fallita, sono convinto che al muretto pensavano che – alla seconda sosta – il tedesco potesse superare comunque il suo avversario.

    Non avevano, però, fatto i conti con altri imprevisti (problema di pressione al secondo set di gomme e fuoripista) che hanno impedito la manovra, con tutto quel che ne consegue.

    Col senno di poi, quindi, possiamo dire che sarebbe stato molto più proficuo per la Ferrari agire in modo diverso. Sacrificare Massa per dare la vittoria sicura a Schumacher.

    Ma, nonostante ciò, non penso però che alla Ferrari abbiano sbagliato ad agire come hanno fatto. Gli imprevisti fanno parte di questo sport e – per come era la situazione, lo ripeto – era decisamente quella la strategia più giusta da adottare.

    Certamente una lezione c’è stata anche per loro. La prossima volta, se capiterà, per evitare ogni possibile imprevisto (vedi safety car) dovrebbero dire a Massa di lasciare strada a Schumacher già dopo il primo giro! Anche fosse una manovra eclatante e “poco sportiva” pensiamo che, essendo dichiarata sin da prima della partenza e giustificata da evidenti ragioni (c’è un mondiale in palio)… nessuno protesterà!