Esordio in stile McLaren

da , il

    Esordio in stile McLaren

    La McLaren non smentisce la sua caratteristica e dopo solo 19 giri un problema di pressione dell’olio ferma Pedro de la Rosa. Esordio, quindi, non fortunato della nuova Mp4/21.

    Se non ha stupito il problema di affidabilità non ha neanche stupito l’aspetto originale della macchina.

    Ancora dipinta di arancione ha colpito – a prima vista – per la rinnovata parte anteriore con un muso che ricorda quello che qualche anno fa venne definito a “formichiere”. Altre grosse novità, ma meno singolari, negli alettoni incurvati e nelle pance più strette.

    Da qui al Bahrain è previsto un intenso programma di test mirato a sviluppare la vettura in ogni sua parte ed a risolvere i problemi di affidabilità. Problemi accettabili, finché sono pochi e concentrati nel periodo di esordio, preoccupanti se costanti e sempre diversi come lo scorso anno.

    La partenza non è stata buona e, se il buongiorno si vede dal mattino… possiamo stare tranquilli che ci sarà un avversario in meno per la nostra Ferrari.

    E non un avversario qualunque ma la rivale per eccellenza. Quanto poco sarà dura, quindi, sopportare un altro anno con un Raikkonen frustrato che fa quello che può e butta via delle gare senza nessuna colpa? E riusciremo a non soffrire troppo nel vedere Montoya che raccoglie qualche briciola di podio mentre spera che, nella sua unica domenica di grazia dell’anno, la macchina non lo abbandoni sul più bello?

    Se reggiamo a tutto questo, allora speriamo proprio che non sia un Ron Dennis che mastica amaro e non riesce a spiegarsi come mai la macchina non arriva in fondo a farci diventare tristi!

    Ma non scherziamo più. Negli ultimi anni se la McLaren non ha vinto vuol dire che è arrivata seconda. Quindi per la Ferrari e tutti gli altri ci sarà da sudare. Sicuramente.

    Stiamo molto attenti alla scuderia inglese perché è vero che il buongiorno si vede dal mattino, ma è anche vero che… ride bene chi ride ultimo! E qui, non siamo neanche all’inizio.