F1 2010: 10 cose da notare

La Formula 1 2010 inizia con almeno 10 interessanti cose da notare

da , il

    La stagione 2010 si preannuncia come una delle più combattute della storia: come ho infatti scritto in un articolo precedente, ci saranno ben quattro campioni del mondo al via e altri piloti agguerriti per lottare all’iride. 10 cose, però, sono da notare prima dell’inizio dei Gran Premi, vediamole insieme partendo dalla discussa riabilitazione di Flavio Briatore fino al divieto di rifornire e passando per l’allargamento della griglia di partenza a 26 macchina, Jean Todt al comando della FIA, il ritorno di Michael Schumacher, l’ammodernamento di due luoghi sacri come Montecarlo e Silverstone

    La decisione su Briatore. È stata tolta la radiazione inflitta a Flavio Briatore il 21 settembre scorso dal Tribunale d’Appello della FIA, data precedentemente per colpa dell’ormai famoso crash-gate, che oltre al manager italiano e a Pat Symonds, vedeva coinvolto Nelson Piquet Jr.

    Ben 26 macchine sulla griglia. Ebbene sì, l’anno prossimo ci saranno ben 26 macchine sulla griglia, non più 20 o 22. I grandi costruttori se ne vanno (BMW, Toyota) ma arrivano altre piccole squadre, quali Campos, USF1, Virgin Racing, Lotus e Sauber. Si preannuncia spettacolo, sperando che però non facciano da fanalino di coda ad ogni Gran Premio.

    Jean Todt. Il neo eletto presidente FIA Jean Todt, sembra voler fare bene e in qualche modo, dimenticare Max Mosley. Quest’ultimo ha recentemente fatto solo danni, dopo essersi ridicolizzato davanti al mondo in una casa di Londra e dopo aver condotto duramente la “Lotta di potere” contro i Costruttori impegnati l’anno scorso, la FOTA. Speriamo veramente che il francese riesca a sollevare questo mondo, che fino a pochi mesi fa è stato vittima di scandali e complotti.

    Ritorno di Schumacher Anche se non condivido la sua scelta, non posso negare che questo è un botto mediatico per la Formula 1, come è successo ad Agosto.Il tedesco vuole fare bene; per i ferraristi sarà un duro colpo vederlo con la tuta Mercedes, ammettò però che il suo ritorno mi incuriosisce molto… Riuscirà a fare davvero bene?

    Bruno Senna in F1. Un Senna ritorna in Formula 1. Purtroppo non è Ayrton, ma il suo nipote Bruno. Il cognome che porta è pesantissimo, la responsabilità enorme. Io sono convinto che il ragazzo potrà dimostrare di essere uno valido. Un Ayrton Senna in Formula 1 non tornerà mai; però, perchè non sperare?

    Eccezionali piloti. Alonso, Massa, Hamilton, Button, Schumacher, Rosberg e Vettel; tutti piloti eccezionalmente veloci e in grado di lottare per il titolo. Si preannuncia un 2010 da favola per noi appassionati. Con le nuove regole, magari (dico magari) si potranno vedere più sorpassi. E con nomi di questo calibro, sicuramente non si faranno attendere.

    Il Gp di Corea. Incognita. Eccola la prima. Sarà un cittadino come altri (in primis Valencia e Singapore) o un circuito in grado di fornire spettacolo? Ancora non si conosce bene la piantina e i relativi particolari; c’è solo da sperare che non sia un’altra “Tilkata”.

    Silverstone confermato. L’anno prossimo il circuito di Silverstone sarà ancora in calendario. Che colpo di fortuna. Uno dei più belli ed emozionanti tracciati della storia rischiava di essere “messo al bando” per un ben più modesto Donington, senza togliergli nulla. Rivedremo anche qui, ancora spettacolo, come Silverstone ci ha sempre saputo offrire?

    Cambia Montecarlo? Sono state viste delle ruspe all’uscita del tunnel a Montecarlo, e la strada verso la chicane è stata tirata su. Questo significa che sarà un tratto dove si favoriranno i sorpassi? In quel di Montecarlo potremo vedere più spettacolo? Mai dire mai.

    Vietati i rifornimenti. Come è già stato annunciato in lungo e in largo, l’anno prossimo i rifornimenti saranno vietati. Favorevole a questa scelta, non solo per la sicurezza. Potremmo vedere quali saranno i meccanici più veloci, dato che cambieranno solo ed esclusivamente le gomme. Inoltre, si vedrà quali saranno i piloti che, non dovendo rifornire, riusciranno meglio a gestire la gara, visto che partiranno con una macchina pesantissima e si ritroveranno poi con una leggerissima. E per fortuna, tornano le qualifiche scariche. In questo modo solo il pilota più veloce partirà davanti a tutti, non il più leggero.