F1 2010: la Force India leader dei “piccoli”

A meno di un mese dal via al Mondiale 2010 di F1 Vitantonio Liuzzi si proclama leader del gruppo dei team minori

da , il

    A meno di un mese dall’inizio del Mondiale 2010 di F1, Vitantonio Liuzzi si proclama il più forte tra i più deboli. Il pilota di Force India ha dichiarato che il team ha buone possibilità di conquistare punti in questa stagione e occupare le zone alte della classifica, buttandosi all’inseguimento di McLaren, Mercedes e Ferrari. In una recente intervista in una pausa tra i test di Jerez e quelli in programma questa settimana a Barcellona, il pilota italiano si è detto entusiasta dalla performance incoraggiante della nuova VJM-03.VJM-03. “Ammetto che siamo soddisfatti” ha dichiarato Liuzzi, “la monoposto è un buon prodotto e migliora ogni giorno. In questi ultimi test dovremo concentrarci sul lavoro di sviluppo in vista della prima gara in Bahrain, e questo mi fa ben sperare in un buon inizio di stagione”.

    TEST F1. “Nel corso dei test abbiamo sempre cercato di capire il livello raggiunto anche dagli altri team ma, sfortunatamente, con le nuove regole sui rifornimenti tutto è diventato molto più complicato. Dovremo attendere l’inizio del Mondiale ma per quanto ci riguarda abbiamo comunque raggiunto un buon livello.” In merito alle sue aspettative per questa stagione, specialmente dopo i progressi mostrati dalla squadra a fine 2009, Liuzzi ha dichiarato che il team di Silverstone ha tutte le carte in regola per competere con i grandi del Circus. Mc Laren, Mercedes e Ferrari sono senza dubbio le migliori, ma sono altrettanto sicuro che noi siamo subito dietro. Anche se il podio è ancora lontano, potremo sicuramente conquistare punti con molta più frequenza dell’anno scorso.”

    MONDIALE 2010. Dopo aver preso il posto di Giancarlo Fisichella a partire dal Gran Premio d’Italia nella stagione 2009, Liuzzi è consapevole del fatto che il 2010 sarà un anno decisivo per la sua carriera e non ha intenzione di perdere questa occasione (il driver abruzzese sa bene che ad attendere nelle retrovie c’è il collaudatore Paul di Resta…).

    “Sicuramente un anno e mezzo aspettando di tornare a correre non è una situazione facile da digerire, ma già l’anno scorso abbiamo dimostrato di essere molto aggressivi e questa stagione siamo pronti per competere ai livelli più alti. Speriamo che la macchina dia il meglio di sè per tutta la stagione”.