F1 2010, Red Bull: pronti a vincere il mondiale

da , il

    F1 2010, Red Bull: pronti a vincere il mondiale

    La Red Bull sbanca nel weekend del gran premio di Singapore e a tre gare dalla fine piazza entrambi i piloti in cima alla classifica generale, portandosi a 45 punti di distacco dalla McLaren nei costruttori. Con la vittoria a Suzuka Sebastian Vettel, che fino a qualche gara fa sembrava prossimo a lasciare la top five dei pretendenti al titolo iridato, ora viaggia a sole 14 lunghezze dal compagno di squadra e attuale leader Mark Webber. Insomma, una cosa in casa degli austriaci è certa: se continuano così, il mondiale, che vada all’australiano o al giovane tedesco, è cosa loro. Per questo da Milton Keynes dichiarano di non avere nulla da temere in vista degli ultimi appuntamenti; il primo titolo iridato è ormai dietro l’angolo!CHRIS HORNER. Con la doppietta a Suzuka la Red Bull ha dato prova di aver ritrovato la forma di sempre e di essersi riguadagnata in pieno il titolo di monoposto da battere. E nonostante la Ferrari di Alonso abbia dimostrato di non essere poi così distante in termini di prestazioni, e sembri ormai l’unica candidata a insidiare i rivali austriaci, la Red Bull sembra convinta della propria superiorità e si prepara a mettere la firma anche sulle prossime vittorie in calendario. “Non c’è nulla di cui dobbiamo preoccuparci per le tre gare restanti”, ha dichiarato Chris Horner. “L’anno scorso ad Abu Dhabi e in Brasile siamo stati competitivi. Non diamo comunque nulla per scontato, specialmente per quanto riguarda il gran premio di Corea, un appuntamento nuovo per tutti e dove in alcuni punti saremo più deboli”.

    GP COREA F1. Il tracciato coreano infatti presenta uno dei più lunghi rettilinei dei circuiti in calendario, seguito da una sezione con molte curve. “Il primo settore non è il massimo per noi, mentre nel secondo e terzo dovremmo trovarci meglio”. Horner ha quindi proseguito parlando della vittoria appena conseguita in Giappone, dove la Red Bull ha dimostrato ancora una volta di riuscire ad imporsi in gara così come nelle qualifiche. “Ci sono ancora diversi punti a disposizione in entrambe le classifiche, ma il risultato di Suzuka vale molto. Abbiamo lavorato duramente per arrivare fino a qui e la nostra ferrea determinazione è stata premiata. In Giappone abbiamo messo a segno la settima vittoria e la terza doppietta della stagione, quindi direi che fino ad ora è stata un’ottima annata per la squadra e siamo determinati a finirla ancora meglio”, ha concluso il team principal della Red Bull.