F1 2010, Webber: non sono il favorito per il titolo

Mark Webber non si considera il favorito nella lotta al titolo iridato

da , il

    F1 2010, Webber: non sono il favorito per il titolo

    Ci siamo, il gran premio di Monza è alle porte. Tappa cruciale questa italiana per una stagione 2010 ormai agli sgoccioli. Lewis Hamilton al momento conduce la classifica con soli tre punti di vantaggio su Mark Webber. In terza e quarta posizione il compagno di squadra dell’autraliano Sebastian Vettel e il campione in carica Jenson Button. Quinto posto per il ferrarista Alonso, che a Monza si gioca il tutto e per tutto. E se la rosa dei cinque pretendenti al titolo iridato in Italia potrebbe ridursi a quattro, Mark Webber, rivelazione di questa stagione 2010, nonostante detenga il maggior numero di vittorie e la monoposto più veloce in griglia, non si sente per nulla il favorito.RED BULL RACING. Con quattro vittorie messe a segno dall’inizio dell’anno, il pilota della Red Bull è diventato in poco tempo la punta di diamante del team austriaco, oscurando più volte il giovane compagno di squadra Vettel. Il biondino di Heppenheim, partito come favorito e indicato come la promessa della squadra del beverone, pur rimanendo a pieno titolo in lotta per il mondiale, ha sofferto una stagione decisamente poco fortunata, e lui stesso ci ha messo anche del suo, tanto che i media si sono scatenati “accusandolo” spesso di non essere pronto per la corona di campione del mondo. Chissà… poche gare ancora e poi lo scopriremo. Nel frattempo il ben più maturo Mark Webber, che dopo i suoi successi ha firmato per un altro anno con il team della lattina, alla vigilia di Monza dichiara però di non sentirsi il favorito.

    MARK WEBBER. E se la sua RB6 è stata votata all’unanimità la vettura da battere in questo 2010, anche il driver australiano ha però dimostrato a tutti di non essere un pilota di serie B. Eppure Webber vuole rimanere con i piedi per terra. “Non mi sento favorito per questo mondiale”, ha confidato alla vigilia del gran premio di Monza. “La mia posizione in classifica in questo momento è buona e “sicura”, dal momento che Hamilton è davanti a me di soli tre punti, ma bisogna vedere come andrà questo weekend: non siamo ancora ad Abu Dhabi. Fino ad ora però la stagione è stata estremamente gratificante e speriamo che nelle prossime gare riusciremo ad avere altrettante soddisfazioni, fino a centrare l’obiettivo finale”.

    RB6. Soddisfatto del suo percorso ma anche della monoposto che gli è stata affidata: il gioiello di Adrian Newey è infatti stata la vera rivelazione di quest’anno e in più occasioni ha sbalordito tifosi e avversari. “Tutta la squadra ha fatto un lavoro straordinario e si è guadagnata il giusto riconoscimento. Con questa vettura mi sento completamente a mio agio. Certo, abbiamo sicuramente perso qualche opportunità ma questo è successo anche ai nostri avversari e sono comunque certo che arriveranno presto altri ottimi risultati”. Webber ha quindi parlato dei suoi rivali più diretti, e in particolare di chi il titolo iridato almeno una volta l’ha già portato a casa. “Ci sono esperienze che Hamilton ha già fatto mentre io no, ma è vero anche il contrario. In pochissimo tempo Lewis ha raggiunto dei traguardi importanti in Formula1 e il suo primo anno alla McLaren è stato eccezionale. Per il momento non sappiamo come andrà a finire ma devo dire che in pista ci stiamo divertendo molto”, ha concluso Webber.

    Foto: AP/LaPresse