F1 2011, Europa: Vettel racconta come si fa un’impresa

Formula 1 2011: Sebastian Vettel commenta la vittoria nel Gran Premio d'Europa sul circuito di Valencia spiegando che è stata una delle sue più difficili nonostante le apparenze

da , il

    F1 2011, Europa: Vettel racconta come si fa un’impresa

    Il Gran Premio d’Europa 2011 di Sebastian Vettel può apparentemente sembrare una corsa noiosa e questo è ciò che sentirete affermare al bar. Non lo è stata per chi se ne intende un po’ di motori. Ed è bene che ogni tanto arrivi davvero una gara senza la bacchetta magica della safety car o della pioggia a beatificare il fortunello di turno. Il campione del mondo in carica vince, domina, ma fatica. La conferma che queste impressioni sono tutte vere arriva dal diretto interessato che in conferenza stampa racconta la fatica per ottenere l’ennesima vittoria.

    SEBASTIAN VETTEL. “Forse dall’esterno non tutti hanno capito quelli che è accaduto – ha raccontato Vettel al termine del GP d’Europa 2011Per quel che mi riguarda è stata una gara con me stesso e anche se avevo un divario sui rivali, loro sono sempre stati dietro di me. Quindi ho cercato di sfruttare al meglio la macchina facendo i conti con il degrado degli pneumatici. La squadra ha fatto un ottimo lavoro anche quest’anno e come lo scorso anno abbiamo ottenuto un gran risultato”.

    RED BULL – HORNER. Solita faccia, soliti discorsi per il team principal Red Bull:“La Ferrari è andata forte oggi ma è stata per noi un’ottima performance oggi. Abbiamo avuto una buona strategia. Ora guardiamo avanti. C’è ancora molto da lavorare. Anche se abbiamo un buon vantaggio, la strada per il titolo è ancora lunga”.

    MARK WEBBER. Nonostante il terzo posto e la sconfitta nel duello con Alonso, Webber vede positivo:“E’ stata la mia migliore corsa dell’anno. Abbiamo avuto strategie simili con Alonso e pensavo di poter essere secondo. E’ stata colpa mia perché ho scelto io il momento per rientrare. Ho deciso di cambiare le gomme prima di Fernando e questo è stato un errore”.