F1 2011, Hamilton incolpa la McLaren per la strategia sbagliata

Formula 1 2011: Lewis Hamilton incolpa la McLaren per una strategie sbagliata che ha trasformato il suo GP di Malesia in un calvario

da , il

    F1 2011, Hamilton incolpa la McLaren per la strategia sbagliata

    Cosa hanno in comune Lewis Hamilton e Mark Webber nel Gran Premio di Malesia di Formula 1 2011? Entrambi hanno visto i loro compagni di squadra disputare una gara strepitosa. Entrambi si sono dovuti accontentare di poco o nulla. Entrambi a fine gara si sono lamentati con la squadra. Il pilota McLaren ce l’ha con la strategia. L’australiano della Red Bull ce l’ha, oltre che con la tattica, anche con il mancato funzionamento del KERS. Risultato: tanti rimpianti e pochi punti portati a casa rispetto a team-mate Button e Vettel. Secondo e primo.

    LEWIS HAMILTON. La McLaren gli ha confezionato una strategia con gomme dure montate prima degli altri. Lui se l’è mangiate come se fossero morbide perdendo la possibilità di impensierire Vettel prima. Vedendo sfumare il podio poi. “Siamo rientrati troppo presto, poi ho dovuto rientrare ancora prima in seguito, siamo sempre rientrati prima degli altri e le mie gomme alla fine erano davvero finite. E’ uno di quei giorni che bisogna accettare e andare avanti”, ha commentato Lewis Hamilton. La domanda che smuove gli appassionati è se tutti i problemi dell’inglese nascano da errori strategici del proprio box o se questi siano figli della sua proverbiale incapacità di essere gentile con gli pneumatici. Il resto della stagione ed il confronto a lungo termine con Jenson Button ci chiariranno le idee.

    MARK WEBBER. “Non ho usato il KERS. Ovviamente la partenza non è stata buona. In rettilineo ero vulnerabile senza KERS, anche dopo la curva 2. Poi anche nei primi tre o quattro giri ho provato a superare dei piloti ma mi hanno ripassato”. Mark Webber concentra le proprie lamentele sull’assenza del KERS che gli ha impedito di lottare per la vittoria. Anche il suo compagno di squadra Vettel non l’ha usato. Ed ha vinto. Sono molte, quindi, le cose da rivedere nel lato buio del box Red Bull. A cominciare dalla strategia:“Penso che Lewis abbia avuto molto presto problemi con il suo set di gomme, mi sarebbe piaciuto fare piu’ giri con il mio quarto set e avere un set in migliori condizioni alla fine per superare i piloti in difficoltà, ma ho perso tempo dietro Lewis quindi non è stato possibile”, ha aggiunto Webber.