F1 2011: Massa e Alonso a confronto sulle nuove regole

Formula 1 2011: i piloti Ferrari Felipe Massa e Fernando Alonso si confrontano sulle nuove regole

da , il

    F1 2011: Massa e Alonso a confronto sulle nuove regole

    Felipe Massa e Fernando Alonso hanno parlato delle novità regolamentari della Formula 1 2011. I due piloti Ferrari hanno posto particolare attenzione a tre aspetti nuovi o seminuovi con i quali dovranno confrontarsi nel corso della stagione alle porte: il KERS, l’ala mobile posteriore e gli pneumatici Pirelli che sono andati a sostituire i Bridgestone i quali per più di un decennio hanno fornito le monoposto di Maranello.

    FELIPE MASSA. Massa è tra i piloti più leggeri della F1. Il problema peso torna di gran moda da quando è stato riportato sulle vetture il KERS. Grazie allo sviluppo sull’unità, divenuta più leggera rispetto a quella di inizio 2009 e grazie all’innalzamento del peso minimo delle vetture da 600 kg del 2009 ai 640 del 2011 (nel 2010 il peso minimo era già salito a 620 kg), chi monterà il dispositivo di recupero e riuso dell’energia cinetica sarà meno penalizzato nella distribuzione dei pesi al fine di ottenere il miglior bilanciamento possibile della vettura. “Due anni fa ogni etto poteva avere un’influenza mentre adesso c’è un po’ di margine. Peraltro, io credo di essere uno dei più leggeri fra i miei colleghi, se non il più leggero: diciamo che farò sempre attenzione a non prendere peso ma non in maniera esagerata”, ha detto Massa. Secondo il pilota Ferrari i cambiamenti voluti dalla FIA vanno nella giusta direzione. Anche l’ala mobile posteriore può essere vista positivamente sebbene abbia lasciato perplessi i più date le limitazioni che sono stati imposte ai piloti nel suo utilizzo:“Certo, avremo più bottoni da usare sul volante e dovremo fare molta attenzione – ha spiegato il driver di San Paolo – ad esempio con quelli per attivare il KERS, che non si usa tutto in una volta ma in varie parti della pista, a seconda del tracciato e del momento. Per quanto riguarda l’ala posteriore, prima di dare un giudizio bisognerà aspettare le prime gare”.

    FERNANDO ALONSO. Anche Alonso pone l’attenzione sui tanti pulsanti che compariranno sul volante:“Sicuramente saranno più complesse da gestire da parte del pilota perché avremo più operazioni da compiere. Bisognerà trovare il modo di adattarsi e di trovare i giusti automatismi per i pulsanti in modo da cercare di non perdere la giusta concentrazione sulla guida”. Un alleato per l’allenamento è il simulatore:“Lì possiamo allenarci intensamente su questo aspetto”. Alonso si dice speranzoso che queste novità favoriscano i sorpassi ma non ne è certo. Troppe volte in passato si pensava di aver risolto il problema e si rimasti delusi. Sicuramente l’ala mobile e il KERS aiuteranno e questo potrebbe rendere il risultato delle qualifiche meno determinante sull’ordine d’arrivo della gara. L’asso delle Asturie promuove anche le gomme Pirelli:“Il primo feeling è positivo ma ne sapremo di più a partire dai prossimi test. Sicuramente il mio stile di guida dovrà un po’ cambiare”, ha rivelato. Quanto alla dieta dimagrante di cui sopra per il KERS, Alonso racconta di non essersi ancora impegnato molto a causa di una contrattura muscolare che gli ha impedito di svolgere intensa attività fisica.