F1 2011: Michelin o Pirelli, ultima sfida

F1 2011: sarà una lotta tra Pirelli e Michelin per ottenere la fornitura di pneumatici a partire dalla stagione 2011 di Formula 1

da , il

    F1 2011: Michelin o Pirelli, ultima sfida

    Secondo il sondaggio fatto tra i nostri lettori, il nuovo fornitore di pneumatici per la Formula 1 deve essere l’italiana Pirelli. La vittoria è schiacciante con più di un consenso su due. Gli altri raccolgono le briciole: solo il 10% spetta alla Avon e un misero 7% va alla Hankook. Unico vero rivale della Pirelli, dopo che la Bridgestone ha confermato che non cambierà per nessun motivo idea sul ritiro, resta la Michelin. I francesi raccolgono un voto su 3. Probabilmente a farli sfavorire c’è l’elemento guerra tra gommisti al quale non vogliono rinunciare.

    FORMULA 1 2011. Avon e Hankook sono fuori dalla contesa. La Bridgestone, soluzione più amata dai team di Formula 1, non farà marcia indietro sulla propria decisione: è certo. Tra Michelin e Pirelli non c’è paragone: i francesi hanno un’esperienza vastissima e molto recente. Gli italiani sono fermi da 20 anni. Entrambi, poi, stanno facendo richieste particolari. I primi vogliono nel breve-medio periodo il ritorno della concorrenza tra fornitori. La Pirelli chiede che la ruota passi da 13 a 18 pollici per farla assomigliare di più a quelle che si montano sulle vetture di tutti i giorni. La partita è aperta. Personalmente, pur dando maggior fiducia in termini assoluti alla Michelin, la escluderei perché sono contrario alla guerra tra gommisti. Le coperture hanno un ruolo determinante nel decidere le prestazioni delle vetture. Troppo determinante. Ne consegue che, per premiare il miglior pilota o la migliore squadra (vedi mondiale piloti e costruttori), c’è bisogno che su questo fronte tutti abbiano lo stesso materiale.

    PIRELLI O MICHELIN. Al termine di un importante incontro tenutosi tra i membri della FOTA e Bernie Ecclestone per discutere sul tema, il team principal della Ferrari Stefano Domenicali ha confermato che Pirelli e Michelin sono gli unici due nomi rimasti in lizza. “Probabilmente ci vorra’ ancora una settimana,” ha spiegato l’imolese confermando che è nell’interesse di tutti arrivare ad una soluzione in tempi strettissimi e che la questione, in questo momento. è una priorità assoluta. Più delle garanzie tecniche, a far pendere il piatto della bilancia da una delle due parti sarà l’investimento economico che il marchio vorrà fare: non a caso, all’ultimo incontro, ha partecipato anche il cassiere del Circus, Bernie Ecclestone. E su questo fronte la meglio attrezzata pare la Pirelli.