F1 2011, Red Bull: in Giappone senza calcolatrice

Formula 1: la Red Bull si prepara a festeggiare la vittoria del campionato del mondo con Sebastian Vettel in Giappone

da , il

    F1 2011, Red Bull: in Giappone senza calcolatrice

    La Red Bull e Sebastian Vettel hanno deciso di presentarsi a Suzuka senza calcolatrice. Non tanto perché siano tutti capaci a mente di contare fino ad uno, uno come il punto che separa il pilota tedesco dalla conquista del secondo titolo mondiale consecutivo… quanto perché l’obiettivo resta sempre lo stesso: puntare alla vittoria. Punto e basta. Il Gran Premio del Giappone 2011 vedrà ancora una volta la Red Bull all’attacco, consapevole di poter vincere sempre. Ingorda e spavalda. Senza rivali.

    RED BULL. A Sebastian Vettel manca un solo punto per diventare campione del mondo. Se questo non accadesse, Jenson Button, ultimo avversario rimasto, dovrebbe comunque vincere tutte e cinque le gare che mancano da qui a fine stagione. Eventualità più che remota. “E’ piuttosto difficile perdere ormai ma non è finita finché non è finita - ha dichiarato Chris Hornerandremo in Giappone con lo stesso approccio di Singapore e delle altre gare di quest’anno. Punteremo a vincere perché sarebbe bello finire in grande stile”. A gasare il team principal Red Bull è la consapevolezza che le caratteristiche del circuito di Suzuka sono l’ideale per esprimere al meglio il potenziale della RB7.