F1 2011, Singapore: Ferrari a picco

Formula 1: la Ferrari commenta il Gran Premio di Singapore che ha visto Fernando Alonso non andare oltre il quarto posto

da , il

    F1 2011, Singapore: Ferrari a picco

    In questa seconda parte di stagione 2011 di Formula 1 la Ferrari prosegue nel collezionare delusioni a ripetizione. Persino il Gran Premio di Singapore non va come previsto. E pensare che alla vigilia era qui che Fernando Alonso riponeva le migliori speranze per tentare di arricchire di successi il proprio curriculum: c’era un tracciato favorevole alle caratteristiche della 150° Italia, c’erano le gomme giuste portate dalla Pirelli. Invece, la legge della Red Bull non è stata infranta e persino la McLaren ha ingranato una marcia in più.

    FERNANDO ALONSO:“E’ stato impossibile salire sul podio. Non eravamo abbastanza veloci in gara. Eravamo terzi ma sapevamo che con l’andare avanti della gara ci avrebbero sorpassato. Dobbiamo fare buone partenze, buone strategie, ed avere un buon passo gara per approfittare delle occasioni ma purtroppo il terzo o quarto posto è il nostro limite in questo momento. A dirla tutta la safety car non ci ha aiutato perché quando è uscita di pista avevamo un vantaggio di circa 6 secondi da Webber e si è annullato. Comunque la Red Bull andava molto veloce e non potevamo fare nulla”.

    FERRARI – STEFANO DOMENICALI:“Non eravamo all’altezza della situazione come prestazione. Per cui credo che i punti realizzati rispecchino la nostra forza di oggi. Abbiamo pagato le temperature dei freni e l’usura delle gomme morbide. Ora dobbiamo guardare avanti cercando di difendere la classifica mondiale e onorare il campionato fino alla fine”. La Ferrari torna a casa da Singapore con soli 14 punti all’attivo. 12 firmati da Fernando Alonso e solo due da Felipe Massa. Il brasiliano, imbestialito con Hamilton, per l’incidente che gli è costato una foratura, ha fatto intravedere una bella rimonta nel finale ma non è andato oltre la nona posizione.