F1 2011, Villeneuve: perché Schumacher è tornato a correre?

Jacques Villeneuve si chiede quale sia la reale motivazione che spinge il sette volte campione del mondo di Formula1, Michael Schumacher, a continuare a correre

da , il

    F1 2011, Villeneuve: perché Schumacher è tornato a correre?

    Jacques Villeneuve torna a parlare dei piloti del Circus. Dopo aver espresso la sua poca convinzione nei confronti del giovane campione del mondo Sebastian Vettel, questa volta l’ex iridato si pronuncia in merito alla leggenda della Formula1, Michael Schumacher, tornato alle competizioni la scorsa stagione, dopo tre anni di stop e sette titoli mondiali conquistati nel corso della sua lunga e brillante carriera. Il pilota canadese, figlio del compianto Gilles, dopo aver dubitato della maturità di Vettel ora ha espresso dei dubbi anche circa le motivazioni che hanno portato il Kaiser a rimettersi al volante. E nel frattempo, fa il tifo per AlonsoMICHAEL SCHUMACHER. Dopo i dubbi espressi circa la reale maturità del neo iridato Sebastian Vettel, veloce, secondo l’ex campione del mondo canadese, ma forse non sufficientemente maturo, Villeneuve torna a pronunciarsi sui piloti del Circus, che si apprestano a tornare in pista per la stagione 2011 di Formula1, al via il 27 marzo in Australia. Parlando del biondino di Heppenheim nel corso di un’intervista, il figlio del mitico Gilles Villeneuve si era anche pronunciato in favore del suo vecchio rivale Michael Schumacher, tornato alla massima categoria dopo l’addio nel 2006, lodandone la ritrovata forma nella seconda parte della stagione 2010. Ora invece, l’iridato 1997 deve averci ripensato, perché si è detto perplesso circa i reali motivi che hanno spinto il fenomeno di Kerpen a rimettersi al volante dopo tre anni di stop.

    JACQUES VILLENEUVE. Secondo Villeneuve, anche se Schumi si è dimostrato veloce e in grado di competere con i nuovi avversari, le aspettative circa il suo ritorno sono state decisamente troppo elevate. “Al suo debutto la gente pensava che Michael sarebbe stato più veloce di Rosberg. Gli ci è voluto del tempo, ma alla fine non ha fatto male. La domanda però è: cos’è che spinge realmente Schumacher a tornare a combattere alla sua età e dopo tanta gloria? L’anno scorso era rilassato e contento anche dopo delle prestazioni negative”, ha dichiarato Villeneuve a L’Equipe.

    FERNANDO ALOSNO. E, nell’attesa che Schumi compia nuovamente il miracolo, il quarantenne di Saint-Jean-sur-Richelieu ha fatto il nome del suo favorito per il mondiale ormai alle porte. È Fernando Alonso, un “toro spagnolo” a detta di Villeneuve, che ne ha lodato la capacità di saper tirare sempre fuori il meglio da ogni situazione. “Nulla lo può fermare. Fernando ha dimostrato di saper vincere anche con auto non particolarmente competitive e di saper sostenere sulle sue spalle l’intero team”.