F1 2013, Ferrari verso il GP di Spagna, Alonso: “I tifosi danno una spinta in più”

da , il

    F1 2013, Ferrari verso il GP di Spagna, Alonso: “I tifosi danno una spinta in più”

    Mancano ancora dieci giorni al Gran Premio di Spagna 2013 di Formula 1. La febbre dell’attesa sale soprattutto in casa Ferrari, perché l’evento in programma a Barcellona rappresenta quest’anno l’unica tappa iberica del calendario. Sul sito ufficiale del Cavallino Rampante, Fernando Alonso parla così:“La vittoria a Barcellona del 2006, quella di Monza nel 2010 e quella di Valencia l’anno scorso, sono indubbiamente le gare che mi hanno regalato alcune tra le emozioni più belle della mia carriera”.

    Alonso: “Dai tifosi arriva spinta a fare di più”

    Qualcuno sostiene che Fernando Alonso in Spagna non riesca mai a dare il massimo del suo potenziale poiché troppo distratto dal calore della gente che gli sta intorno e dai tanti impegni promozionali del fine settimana. L’asso di Oviedo smentisce queste teorie e dichiara:“Il calore del pubblico e le sensazioni che si provano quando si corre in Spagna sono sempre speciali, dal momento in cui arrivi all’aeroporto e vai in albergo e poi in circuito. I primi giri in pista, il venerdì e il sabato mattina, senti subito la passione dei tifosi sulle tribune e scatta così un’ulteriore motivazione perché vuoi fare quel qualcosa in più, magari nascosto nei dettagli, che li possa far gioire. Nasce anche così la ricerca di quel decimo di prestazione che insegui sempre quando sei nell’abitacolo di una Formula 1”. La prima volta di Alonso in F1 davanti ai suoi connazionali risale al 2001 con la Minardi. In totale ha collezionato 11 partenze raccogliendo, però, una sola vittoria datata 2006. 7 successi su 22 partecipazioni, invece, è il bottino della Ferrari sul tracciato di Barcellona.

    Massa: “Barcellona circuito tecnico e complesso”

    “Mi piace molto andare in Spagna, mi è sempre piaciuta sia l’atmosfera di Barcellona - ha dichiarato Felipe Massa - Il Circuit de Catalunya è la pista che conosciamo meglio per via di tutti i test che svolgiamo all’inizio della stagione: è un tracciato tecnico e complesso dove è importante avere un buon carico aerodinamico. Il mio ricordo più bello a Barcellona risale al 2007 quando vinsi la gara: fu una vittoria straordinaria che, davanti ad un pubblico fantastico, mi vide lottare con tanti avversari, incluso Fernando, allora alla McLaren”.

    Marussia vicina all’accordo con Ferrari per i motori del 2014

    La Toro Rosso dal 2014 lascerà i propulsori di Maranello per accogliere – al pari della sorellona Red Bull - quelli della Renault. Potrebbe essere quindi la Marussia ad avere a bordo i nuovi V6 turbo griffati Ferrari. Intervistato da Sky Sport, Pat Symonds ha dichiarato:“La Renault ci ha detto di essere al completo per cui ci siamo diretti verso Ferrari e Mercedes che si sono entrambe mostrate disponibili. Abbiamo una certa fretta perché dobbiamo iniziare a progettare la nuova macchina e dobbiamo ammettere di essere in ritardo con i programmi visto che volevamo aver sciolto questo nodo già da un anno”. La presenza di Jules Bianchi nel team russo può rappresentare un buon collegamento con il Cavallino Rampante:“Fino ad ora non ha fatto alcuna differenza averlo in squadra - ha precisato Symonds – ma ci ha sicuramente avvicinato un po’ di più alla Ferrari che, dal canto suo, vuole avere una squadra in più che può essere utile anche per lavorare meglio in fase di test”.