F1 2013, Red Bull: “Per noi mai più ordini di scuderia!” E Vettel non chiede scusa…

da , il

    F1 2013, Red Bull: “Per noi mai più ordini di scuderia!” E Vettel non chiede scusa…

    Il Gran Premio di Cina 2013 di Formula 1 si avvicina ed il clan Red Bull non riesce a scrollarsi di dosso quanto accaduto oltre due settimane fa in Malesia. Nel tentativo disperato di cancellare l’imbarazzante episodio della vittoria rubata da Sebastian Vettel al compagno Mark Webber in barba a quanto impartito dal muretto box, il superconsulente Helmut Marko spara una prima dichiarazione bomba:“D’ora in poi non daremo più ordini di scuderia”. Con un imperfetto tempismo, quindi, si registrano le nuove affermazioni di Vettel che ritratta in parte il mea culpa recitato fino ad oggi:“Non chiedo scusa per la vittoria di Sepang”.

    Vettel: “Non chiedo scusa”

    Sebastian Vettel ammette l’errore ma non accetta di essere ancora bersagliato dalle critiche. Molte se ne sono dette. Tante se ne sono lette sul suo conto. Poche affermazioni tra gli addetti ai lavori e tra i tifosi cercavano di difenderlo. Nel corso di un’intervista per lo sponsor Infiniti ha rimesso in ordine le proprie idee ed ha dichiarato:“Non c’è molto altro da aggiungere su quanto accaduto [in Malesia], ho chiesto immediatamente scusa alla squadra perché ho messo il mio interesse sopra a quello del team ma amo le corse e non posso chiedere scusa per aver vinto”. Il tre volte campione del mondo ha commentato anche lo stato di forma della sua macchina:“In Malesia siamo rimasti sorpresi di essere nuovamente al top e di aver avuto un buon feeling con le gomme. In Cina, però, sarà diverso. Penso che siamo ancora in un processo di apprendimento e sarà cruciale per noi lavorare sul comportamento degli pneumatici”, ha concluso.

    Red Bull: “Non daremo più ordini di scuderia”

    E’ Helmut Marko a lanciare la dichiarazione destinata a mettere per sempre la parola fine sulla brutta vicenda del GP di Malesia:“Non ci saranno più ordini di scuderia da parte nostra”, ha dichiarato l’uomo Red Bull su Sport Bild. Stando ai commenti del dietro le quinte sembra che, a spingere per questa drastica soluzione, sia stato nientemeno che il patron Dietrich Mateschitz. L’inventore della bibita energetica è rimasto profondamente deluso per il danno d’immagine ricevuto.

    Mercedes: Brawn chiarisce i “suoi” ordini di scuderia

    Nonostante ne sia uscito abbastanza pulito, anche Ross Brawn si è dovuto cimentare negli ordini di scuderia. Aver favorito Lewis Hamilton ha regalato spunti polemici a tanti suoi detrattori. “Quando Lewis ha firmato con noi ha chiesto solo di avere lo stesso materiale e le stesse chance del compagno di squadra – si è difeso così il britannico a Sky – Noi gli stiamo garantendo solo parità di trattamento. A Sepang, però, c’è stata una carenza di benzina sulle due monoposto. Sarebbe stato stupido lasciar combattere i due piloti con il rischio di vederli rimanere a secco e buttare via una gara”. Brawn ha risposto anche alle critiche arrivate dall’interno della squadra:Niki Lauda e Toto Wolff avrebbero agito diversamente ma in quel momento io ero l’unico a conoscere veramente lo stato delle cose. Durante un GP non c’è tempo per confrontarsi con gli altri e di conseguenza mi devo assumere tutte le responsabilità anche in caso di errore”.

    Chi sarà il Campione del Mondo 2013? Vota!

    derapate battaglia piloti f1 2013

    La stagione di F1 2013 sta entrando nel vivo, e così noi vi chiediamo la domanda da un milione di dollari: chi sarà il Campione del Mondo 2013? Domanda che vi troverà alquanto discordanti. Per cui la redazione di Derapate.it vi propone una sfida per decretare chi sarà, secondo le vostre votazioni, il Campione del Mondo F1 2013. Per votare è semplicissimo: basta cliccare nella nostra battaglia la foto del vostro pilota preferito o nella casella del suo nome. Per iniziare la nostra sfida BASTA CLICCARE QUI!