F1 2013 test Jerez con incidente per Hamilton: un debutto col botto!

da , il

    F1 2013 test Jerez con incidente per Hamilton: un debutto col botto!

    Inizia con un problema ai freni posteriori ed un incidente l’avventura Mercedes di Lewis Hamilton. Nella seconda giornata di test di F1 2013 sul circuito di Jerez, il pilota anglocaraibico emula quasi alla perfezione il compagno di squadra Nico Rosberg che 24 ore prima aveva alzato bandiera bianca dopo 11 giri per un guasto al sistema elettrico. Hamilton riesce a completare 15 tornate con la W04 prima di impattare contro le barriere senza gravi conseguenze. Poi scende dall’abitacolo e già si fa sentire:“Manchiamo di carico o, almeno, non è lo stesso al quale ero abituato”, ha affermato dando già l’impressione di rimpiangere la sua vecchia McLaren.

    Mercedes: “La macchina è OK”

    E’ il neo arrivato Toto Wolff a gettare acqua sul fuoco dopo la seconda deludente giornata di test a Jerez:“E’ vero che abbiamo avuto dei guasti ma la macchina è performante e lo ha dimostrato nei giri effettuati”. Anche Hamilton prova a pensare positivo:“Non mi preoccupano i guasti perché sono cose che capitano soprattutto nei primi test. Sono però frustrato perché ho perso altro tempo utile per far crescere il progetto”. L’ex pilota McLaren conferma di essere ben lontano dallo scoraggiamento:“Quanto accaduto in questi due giorni non può turbarmi - ha ammesso ad Autosport – I ragazzi nel box stanno lavorando duramente affinché certe cose non succedano. Sarebbe più grave se questi problemi tecnici si dovessero ripetere nell’ultimo test di Barcellona. Da una parte è meglio che se ci sono dei problemi vengano alla luce subito in modo tale che si possa lavorare con più libertà successivamente”.

    Hamilton: incidente “pilotato”

    Lewis Hamilton parla anche dell’incidente ammettendo di aver cercato di colpire frontalmente le barriere per non rovinare eccessivamente la macchina:“Per una frazione di secondo mi è sembrato funzionasse ma poi il pedale del freno è andato giù verso il basso per cui non ho potuto evitare l’impatto con le gambe che, sul momento, hanno accusato l’urto. Se fossi andato di traverso avrei distrutto tutto il lato per cui è stato più semplice andare dritto e rompere solo il muso”. Da domani la Mercedes proverà a recuperare il tempo perduto affrontando un tour de force:“Abbiamo ancora un sacco di gomme da sfruttare e faremo in modo di andare in pista già alle 9 del mattino cercando con Nico (Rosberg, ndr) di ottenere il maggior numero possibile di giri, sarebbe buono farne almeno 110-120 – ha concluso il nuovo pilota di Brackley - la macchina ha comunque una buona base. Penso che possiamo lavorarci sopra perché non ho faticato ad ottenere il mio miglior tempo sul giro”

    TUTTE LE FOTO DEI TEST DI JEREZ F1 2013