F1 2013, test Jerez: Ferrari (quasi) ultima nella classifica dei chilometri percorsi

da , il

    E’ la Sauber la monoposto che nei primi quattro giorni di test della stagione 2013 di Formula 1 ha percorso più giri. Il dato può apparire di scarsa importanza ma non è così. Fissarsi solo sulla classifica dei migliori tempi fatti registrare sul circuito di Jerez può essere molto più fuorviante visto che i piloti hanno sempre girato in condizioni di asfalto, gomme e carichi di carburante diversi. Dare un’occhiata ai chilometri macinati, invece, può dare un’indicazione incontestabile sulla salute della vettura. Dopo la Sauber, infatti, appare la già splendente Red Bull. La Ferrari, invece, è quasi ultima. Proprio a proposito della scuderia elvetica, dobbiamo registrare la presa di posizione da parte della nuova team principal Monisha Kaltenborn sulla vicenda Kobayashi:”Non gli abbiamo mai promesso un sedile per il 2013″, ha dichiarato. Infatti, il giapponese si sta guardando altrove e ora punta dritto alla Ferrari. Sì, ma nella categoria Endurance.

    Test F1 2013, Jerez: Sauber al top nella classifica giri percorsi

    Nonostante Nico Hulkenberg abbia avuto alcuni problemi di seduta nell’abitacolo causa altezza eccessiva, assieme al debuttante Esteban Gutiérrez, ha consentito alla Sauber di percorrere più chilometri di qualunque altro team. La Red Bull arriva seconda ma staccata non di poco. Su questo podio virtuale sale anche la Force India. La Williams è quarta nonostante abbia girato con la macchina dello scorso anno. Per trovare la Ferrari si deve scorrere fino alla nona posizione. Peggio della nuova F138 hanno fatto solo Lotus (di pochissimo) e Marussia. Persino la Mercedes, rimasta praticamente sempre ferma nei primi due giorni, alla fine ha superato alla grande la soglia dei 300 giri. Già sento, però, qualcuno rumoreggiare. E’ vero: non conta solo la quantità ma anche la qualità. Da questo punto di vista a Maranello si dicono soddisfatti. Ancor di più vanno sorridendo quelli di Woking. Eppure la nuova McLaren è solo ottava, di un pelo sopra alla Rossa.

    1. Sauber / 430 giri / 1904.040 km /

    2. Red Bull / 372 giri / 1647.216 km /

    3. Force India / 357 giri / 1580.796 km /

    4. Williams / 333 giri / 1474.524 km /

    5. Toro Rosso / 330 giri / 1461.240 km /

    6. Mercedes / 322 giri / 1425.816 km /

    7. Caterham / 318 giri / 1408.104 km /

    8. McLaren / 299 giri / 1323.972 km /

    9. Ferrari / 278 giri / 1230.984 km /

    10. Lotus / 272 giri / 1204.416 km /

    11. Marussia / 220 giri / 974.16 km /

    Kobayashi punta alla Ferrari… Endurance!

    Kamui Kobayashi sarà forse un pilota Ferrari. Ma non di Formula 1. L’ex driver Sauber sarà impegnato a fianco di Olivier Beretta sulla seconda Ferrari 458 Italia del team AF Corse nel Mondiale Endurance. A patto che, in un test decisivo sul circuito di Aragon, vinca la concorrenza dell’indiano Karun Chandhok e di Luca Filippi, Davide Rigon e Brandon Maisano. L’altra vettura del team legato a Maranello, invece, sarà guidata dai confermatissimi Gianmaria Bruni e Giancarlo Fisichella. Parlando del destino di Kobayashi, è arrivata una dichiarazione da parte di Monisha Kaltenborn al fine di fare chiarezza sul suo appiedamento:“Ci sorprende vederlo fuori dalla F1. E’ venuto da noi senza sponsor e ci ha convinti con le sue buone prestazioni. Ci dispiace che una nazione appassionata come il Giappone non sia stata in grado di dargli il supporto – ha spiegato la team principal della Sauber - da parte nostra posso solo dire che non gli abbiamo mai fatto alcuna promessa di un sedile con noi per il 2013″.