F1 2014, Ferrari: il simulatore più evoluto basterà a trattenere Alonso?

Formula 1: la Ferrari, sotto la spinta di Mattiacci, investe ancora altre risorse sul proprio simulatore ingaggiando anche tecnici dalla Gran Bretagna

da , il

    F1 2014, Ferrari: il simulatore più evoluto basterà a trattenere Alonso?

    Mentre la Ferrari spinge ancora l’intero mondo della Formula 1 per compiere un passo indietro sulle limitazioni ai test in pista, il team principal Marco Mattiacci, compreso a pieno che si tratta di una missione impossibile, ha dato il via ad una ulteriore spinta evolutiva per quel che concerne il già avveniristico simulatore di Maranello. Avveniristico dal punto di vista hardware ma non altrettanto sofisticato per ciò che concerne il software. La prova del nove di questa teoria si chiama Red Bull: i bibitari non portano in pista quasi mai niente di sbagliato eppure possono contare su un marchingegno decisamente meno attrezzato. Il segreto, infatti, non sta tanto nelle sensazioni iperrealistiche date al pilota ma quanto nell’attendibilità del software che muove tutto e supervisiona i vari parametri.

    Simulatore Ferrari: nuovo cervello per il “ragno”

    Stando a quanto ricostruito dalla Gazzetta dello Sport, la Ferrari ha da circa otto mesi messo nel mirino il proprio simulatore come elemento cruciale per i successi futuri. Gli step evolutivi del sistema ribattezzato gergalmente “ragno” vista la forma, interesseranno solo marginalmente aspetti hardware. Il focus del problema sta nel software: non a caso, nei recenti test di Silverstone, sarebbe stato investito notevole tempo in un lavoro mirato di comparazione tra quanto fatto da Pedro de la Rosa in pista e Fernando Alonso in fabbrica. Il tutto allo scopo di affinare ulteriormente la corrispondenza tra i dati rilevati nel mondo reale e quelli dell’universo virtuale. Sempre al fine di non lasciare nulla al caso, pare sia stato anche strappato alla Red Bull un ingegnere di esperienza nel fronte della simulazione. Non è un mistero che i team inglesi siano un passo avanti rispetto agli altri in questo campo.

    TUTTE LE FOTO DELLA FIDANZATA DI FERNANDO ALONSO

    Alonso ancora tentato dalla McLaren

    Fernando Alonso ha fatto sapere che non lascerà la Ferrari prima della fine del contratto. Sarebbe un idiota a farlo visto che nessuno degli attuali top team, leggasi Mercedes o Red Bull, ha in programma un imminente cambio di piloti. L’unica alternativa alla poco vincente Rossa è la McLaren. Ma c’è da fidarsi degli inglesi che si apprestano a ripartire da zero scommettendo tutto nella collaborazione con Honda? L’asturiano, ormai 33enne, non può permettersi di sbagliare un’altra volta. Dalla Spagna, però, raccontano di un’insistenza micidiale del team di Woking, a suon di soldi e promesse, pur di far leva sul suo malumore. Che sia tutta una manovra orchestrata dall’entourage del pilota per spaventare la Ferrari e convincerla a rinnovare in fretta il contratto pagandolo letteralmente a peso d’oro? Può darsi.

    Twitter: @pierimanuel