F1 2014, Ferrari: Raikkonen crede davvero nel titolo!

F1 2014: video intervista a Kimi Raikkonen che parla della Ferrari, del suo ingegnere di pista Spagnolo, dei tifosi e della voglia di vincere!

da , il

    Ferrari: Raikkonen crede davvero nel titolo

    Kimi Raikkonen: chi lo prende sul serio? Per alcuni è solo uno ex campione 35enne sulla via della pensione, chiamato dalla Ferrari a dare qualche fastidio a Fernando Alonso. Per altri è l’uomo giusto al posto giusto: è maturo; è forte; può finalmente dimostrare che l’asso di Oviedo è un pallone gonfiato. Lui non si nasconde e, dopo tre giorni passati a Maranello tra eventi promozionali e lavori con i tecnici e con il simulatore, lascia convinti tutti quelli che lo hanno incontrato. Raikkonen è tornato in Ferrari perché crede fermamente nelle possibilità di vincere il titolo mondiale. Discorso diverso per Alonso che, dopo 4 anni di mazzate prese dalla Red Bull, non ha quasi più neppure il coraggio di pronunciare certe parole…

    Guarda anche:

    Raikkonen: “Obiettivo titolo!”

    Guidando per la prima volta la Ferrari FF a quattro ruote motrici, Raikkonen si lascia andare ad una loquacità nota solo a chi lo conosce molto bene:“E’ bello tornare – ha commentato parlando della sua visita a Maranello - è bello e ritrovare le persone che già erano qui quando ho lasciato la Ferrari. Anche con le persone nuove tutto è andato bene. C’è la possibilità di fare molto bene”. Il titolo mondiale è un obiettivo alla portata:“Siamo qui per provare a vincere i campionati. Sarà difficile per via delle nuove regole ma proveremo a farcela”. Secondo Raikkonen, i problemi sono degli ingegneri e dei tecnici. Non tanto suoi:“Come guida non sarà difficile abituarsi. Spero di scoprire che sarà semplice. Discorso diverso per quelli che lavoreranno sul nuovo motore, sui nuovi cambi e così via. Il primo test aiuterà”.

    [sondaggio id="411"]

    E’ Spagnolo il nuovo ingegnere di pista di Raikkonen

    “Ho lavorato un po’ con il simulatore per capire come funzionano alcuni bottoni sul volante e come vanno le nuove procedure”, ha proseguito il biondo di Espoo. Il suo vecchio ingegnere di pista, Andrea Stella, resterà con Alonso. Sarà, ironia della sorte, l’esordiente Spagnolo (di nome, non di nazionalità) il suo nuovo riferimento principale dal muretto dei box:“Ho già lavorato con lui per due anni quando era mio ingegnere di analisi dei dati. E’ stato bello rivederlo e non penso che sarà difficile lavorare con lui. Ci siamo già incontrati nel paddock ed abbiamo parlato velocemente. Anche per lui è una nuova sfida ma ha molta esperienza”. Ultima citazione è per i tifosi:“E’ bello averli e che siano felici del mio ritorno in Ferrari. Spero che siano ancor più felici grazie ai miei risultati”. Kimi torna Iceman commentando il sistema che dà doppi punti all’ultima gara:“Per qualcuno sarà un bene, per altri un male. A me non importa. Che mi piaccia o meno non posso cambiarla”, ha ammesso.