F1 2014: la verità sul ritorno di Raikkonen in Ferrari! E Massa trema…

Dalla Scandinavia ora danno per certo l’arrivo di Kimi Raikkonen in Ferrari per la stagione 2014 di Formula 1

da , il

    F1 2014: la verità sul ritorno di Raikkonen in Ferrari! E Massa trema…

    Dalla Scandinavia ora danno per certo il ritorno di Kimi Raikkonen in Ferrari per la stagione 2014 di Formula 1. Ma vanno presi sul serio i finlandesi? Se di mestiere fanno i piloti, sicuramente sì. Se sono giornalisti, un po’ meno. Tutto il mondo è Paese. Che ci volete fare? Sicuramente il caldo è arrivato fino alla redazione del tabloid Turun Sanomat che, dopo aver messo nero su bianco che Iceman aveva siglato un accordo con la Red Bull, ora fa retromarcia e racconta di un Raikkonen vicinissimo a Maranello. Uomo chiave per il buon esito della trattativa pare che sia James Allison, ex direttore tecnico della Lotus passato alla Ferrari con ruolo analogo.

    La verità sul caso Raikkonen-Ferrari

    Riavvolgiamo rapidamente il nastro per chi si fosse perso le puntate precedenti sul futuro di Kimi Raikkonen. Arriva in Ferrari nel 2007 con il compito di far dimenticare l’epopea Schumacheriana. Ci riesce alla grande: vince subito nel 2007 il titolo e domina per la prima parte della stagione 2008 salvo poi arrendersi di fronte ad una serie di sfortune degne del miglior Fantozzi!

    Nel 2009 la macchina è pessima e nel 2010 si becca un sacco di soldi da Maranello per lasciare libero il sedile con un anno d’anticipo a causa dell’arrivo di Fernando Alonso.

    Nei due anni di rally presi come periodo sabbatico prima di tornare in Lotus nel 2012 si lascia scappare qualche parolina fuori posto nei confronti della Ferrari. Nulla di irreparabile.

    In sintesi, di lui ai ferraristi piace: la velocità.

    Di lui non piace, soprattutto a Montezemolo, il fatto che non sia uomo squadra; che non abbia carisma, che sia scontante e/o scontento. Celebre la frase del presidente:”Nel 2009 ha mandato a correre suo fratello gemello, quello scarso…”. Insomma: non piace il fatto che non sia come Schumacher! Alonso, invece, fa centro nel cuore del team riprendendo in tutto e per tutto lo spirito accentratore del vecchio Kaiser.

    Montezemolo c’è talmente rimasto male per come Kimi si è comportato nel 2009 che l’estate scorsa, dopo che Iceman si è offerto alla Ferrari al posto di Massa facendo tentennare di molto Stefano Domenicali, gli ha chiuso la porta in faccia. Quest’anno la situazione è un po’ diversa per vari motivi: Massa è finito (ferraristicamente parlando, almeno in F1), Alonso ha alzato troppo la cresta e merita una ridimensionata.

    Ecco, in estrema semplicità, perché i finlandesi stanno raccontando qualcosa di molto credibile!

    Ferrari: si pensa già al 2014?

    E’ Felipe Massa, quello teoricamente meno interessato all’argomento, a parlare di 2014. Il brasiliano anticipa le mosse del Cavallino Rampante spiegando che, qualora non arrivino a breve dei buoni risultati, il team potrebbe dedicarsi full time al lavoro sulla macchina del 2014. Alcuni avversari lo stanno già facendo. “Il 2014 sarà un anno importante - ha ammesso su Totalrace – per questo abbiamo già una parte importante della squadra che lavora solo sulla nuova macchina. Adesso abbiamo deciso di valutare l’andamento dei prossimi Gran Premi per capire se ha senso continuare lo sviluppo della F138 o se puntare tutto sul prossimo anno”.